Stati Uniti: in California è scoppiato un terribile incendio

In California è scoppiato un incendio considerato ad oggi uno dei 50 incendi più devastanti dell’anno in tutti gli Stati Uniti. Circa 2mila persone sono state fatte evacuare ed altre mille sono in attesa di lasciare le loro abitazioni e centinaia di strutture sono completamente distrutte.

Incendio
Incendio – Lettoquotidiano.it

Nel Nord della California – quasi al confine con l’Oregon – è scoppiato venerdì un terribile incendio e le fiamme hanno raggiunto il Sud già domenica, spinte probabilmente dalla altissime temperature e dai venti forti.

Incendio gravissimo in California

Nel Nord della California è scoppiato un incendio, che ha messo a repentaglio la vita di moltissime persone.

Questo è solo uno dei tantissimi incendi che stanno scoppiando ultimamente. Abbiamo visto diversi esempi – purtroppo – anche in Italia.

Potremmo fare tantissimi esempi, ma basta dire che solo dal 15 giugno al 21 luglio – quindi nell’arco di poco più di un mese – sono stati 32.921 gli interventi effettuati dai vigili del fuoco.

Il motivo è sempre lo stesso: è scoppiato un incendio. E così quest’anno gli interventi sono stati il 14% in più rispetto all’anno scorso e questi dati sono stati considerati allarmanti dal presidente del sindacato Anppe vigili del fuoco, Fernando Cordella.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco – Lettoquotidiano.it

Nel frattempo, mentre l’Italia brucia, anche negli Stati Uniti si è verificato un caso analogo. Ecco cos’è accaduto.

Le fiamme hanno raggiunto anche il Sud

Tutto è accaduto nella California settentrionale, quasi al confine con l’Oregon. Era venerdì pomeriggio e, nella zona della foresta nazionale, un vastissimo incendio è scoppiato.

Per comprenderne a fondo la portata, basti considerare che il rogo ha interessato circa 20 mila ettari di terreno, tanto che secondo i Vigili del Fuoco questo è stato l’incendio più vasto di tutto l’anno (almeno ad oggi).

In sostanza ci troviamo di fronte all’emergenza più grave del 2022 in California e ad uno dei 50 incendi più devastanti dell’anno in tutti gli Stati Uniti.

Ma cos’è accaduto esattamente? L’incendio, soprannominato McKinney, è scoppiato venerdì nella Klamath National Forest, nella contea di Siskiyou, che costituisce in pratica l’epicentro dell’incendio.

Le temperature altissime, miste a venti forti che soffiano lungo le coste del Pacifico, hanno fatto sì che le fiamme si innalzassero e arrivassero al Sud. Domenica, infatti, avevano raggiunto anche i pressi della città di Yreka, che da sola conta quasi 8 mila abitanti.

Come ha affermato il servizio meteo di Medford, il fumo ha raggiunto un’altezza di circa 11mila metri.

Come ha spiegato lo sceriffo della contea – i funzionari locali hanno continuato a lavorare nonostante fosse stata ordinata l’evacuazione. Oggi più di 100 strutture sono completamente distrutte e tra queste ci sono proprio le loro abitazioni.

In un’altra contea, quella di Jackson, sono stati tratti in salvo circa 60 escursionisti, che si trovavano in zona per percorrere il famosissimo Pacific Trailm, il sentiero che conduce dalla California al Messico.

In tutto circa 2mila persona sono state fatte evacuare ed altre mille sono ad oggi in attesa di lasciare le proprie abitazioni.