Reddito di cittadinanza, altro che per i disoccupati: lo può richiedere anche chi lavora

Reddito di cittadinanza: è una misura compatibile con chi lavora? Ecco a chi spetta e quali sono i requisiti necessari.

Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza lavoratori – Lettoquotidiano.it

Sul Reddito di Cittadinanza circolano tantissime fake news sul web e tanti falsi miti. Sono tantissimi i “furbetti” che percepiscono il Reddito di Cittadinanza e non ne avrebbero il diritto.

Essendo un argomento così scottante e sempre al centro dell’attenzione e del dibattito quotidiano da parte dei media e delle forze politiche, è bene ribadire che il Reddito di Cittadinanza è un aiuto di natura economica, che consente di formare e di trovare lavoro permettendo al beneficiario di integrare il reddito del nucleo familiare.

In questa guida di Letto Quotidiano vogliamo rispondere ad un quesito pervenuto in Redazione: “è possibile percepire il Reddito di Cittadinanza anche se si lavora?”. Cosa dice la normativa a tale proposito?

Reddito di Cittadinanza: cos’è?

Chiariamo una volta per tutte che il Reddito di Cittadinanza è un aiuto di natura economica che consente di sostenere tutti coloro che hanno un reddito molto basso o che non riescono a trovare un’occupazione.

reddito di cittadinanza
reddito di cittadinanza si può lavorare – Lettoquotidiano.it

Molti percettori del Reddito di Cittadinanza sono iscritti al centro di collocamento in attesa di trovare qualche opportunità lavorativa. Per presentare la domanda per avere diritto a percepire il Reddito di Cittadinanza è necessario rispettare determinati requisiti.

Reddito di Cittadinanza: quali sono i requisiti necessari?

Ecco quali sono i requisiti necessari per richiedere il Reddito di Cittadinanza:

  • essere cittadino italiano o comunitario o di uno Stato Extra UE con permesso di soggiorno di lungo periodo,
  • avere un ISEE inferiore a 9.360 euro,
  • avere un patrimonio immobiliare non superiore a 30.000 euro, esclusa la prima casa,
  • avere un patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro,
  • non essere intestatari di autoveicoli immatricolati negli ultimi 6 mesi o a 24 mesi se > 1600 cc. o moto > 250 cc. (eccetto agevolazioni per disabilità).

Reddito di Cittadinanza: è possibile percepirlo anche se si lavora?

Pochi sono a conoscenza del fatto che il Reddito di Cittadinanza può essere percepito anche da coloro che lavorano. Infatti, tale beneficio economico rappresenta un’integrazione di natura economica del reddito della persona interessata o del suo nucleo familiare.

Come detto in precedenza, tra i requisiti necessari da rispettare c’è: avere un ISEE inferiore a 9.360 euro. Pertanto, se si dimostra di avere un ISEE inferiore a questa soglia, è possibile presentare la domanda per richiedere il Reddito di Cittadinanza.

Il Reddito di Cittadinanza è compatibile con la Partita IVA?

Ebbene sì, anche se si è titolari di Partita IVA è possibile presentare domanda per richiedere il Reddito di Cittadinanza.

Possiamo concludere che tale beneficio economico è compatibile sia con chi svolge un lavoro dipendente sia con chi è titolare di Partita IVA sia con chi percepisce l’indennità Naspi.

reddito di cittadinanza
reddito di cittadinanza si può lavorare – Lettoquotidiano.it