Traffico: l’iniziativa che ci dice quali sono i giorni in cui ci sono code

Anas e Viabilità Italia hanno lavorato in sinergia per organizzare il Piano mobilità estiva 2022, che ci dirà quali sono le condizioni del traffico durante tutta la stagione.

Traffico
Traffico – Lettoquotidiano.it

Il traffico è da sempre uno dei problemi maggiori che deve affrontare chi vuole partire in estate e da qui nasce questa iniziativa, che serve appunto per rendere più confortevoli i viaggi nel periodo estivo.

Traffico: la nuova iniziativa per ridurre i disagi

Sappiamo che il traffico è spesso un problema serio, soprattutto in estate: stare ore ed ore in macchina, sotto il sole cocente, può creare davvero grandi disagi.

Code
Code – Lettoquotidiano.it

Eppure è proprio questo il periodo dell’anno in cui si viaggia di più e le strade – così come le autostrade e così via – sono più affollate.

Così ogni anno tutte le persone che devono partire, oppure anche solo semplicemente che devono raggiungere il mare, devono fare calcoli, previsioni per comprendere a che ora è meglio muoversi per evitare code troppo lunghe.

Quest’anno però c’è una soluzione. Anas e Viablità Italia hanno organizzato il Piano mobilità estiva 2022, per rendere meno problematici gli spostamenti agli italiani che vogliono andare in vacanza.

Il piano

In sostanza il Piano mobilità estiva 2022 ha redatto un calendario in cui è possibile sapere quali sono i giorni in cui sono previste code lunghissime sulle strade.

Ad esempio, abbiamo già un dato importante: sabato 23 luglio e domenica 24 c’è già il bollino rosso, quindi significa che il traffico sarà tantissimo.

E non finisce qui, perché ci sarà bollino nero – che significa traffico critico – sabato 6 agosto per tutta la mattina fino a dopo pranzo e bollino nero domenica 7 agosto per tutta la giornata. Allo stesso modo, lo stesso bollino ci sarà negli ultimi due fine settimana di agosto cioè 20, 21, 27 e 28.

Ma quali sono le strade su cui le probabilità di trovare file di auto saranno maggiori per tutta l’estate? Sicuramente quelle che conducono a mete turistiche.

Ad esempio, è altissimo il rischio di trovare traffico sulla A2 – la cosiddetta “Autostrada del Mediterraneo” – e sulle A19 e A29.

E al Nord? Le strade più “attaccate” dalle persone saranno i Raccordi Autostradali RA13 e RA14 in Friuli Venezia Giulia.

Comunque, per non creare troppi disagi, l’Anas ha pensato di prendere anche un altro provvedimento: ha infatti iniziato a rimuovere già dall’8 luglio più di 500 cantieri e continuerà a farlo fino al 4 settembre. Questa operazione fa comunque parte del Piano.

In ogni caso, quali sono le regole generali che dobbiamo seguire quando partiamo per un viaggio? 

La prima cosa da fare è controllare che il veicolo sia sicuro, efficiente e che non abbia problematiche che possano inficiare il percorso. Inoltre è necessario che questo sia completo nelle dotazioni di sicurezza e che il conducente si trovi in buone condizioni fisiche e sia informato non solo sulle condizioni delle strade che percorrerà, ma anche sul meteo.

Bisogna inoltre sempre ricordarsi di essere prudenti mentre si guida, di cercare di restare concentrati il più possibile e di mettere la cintura di sicurezza e farla mettere a tutti i passeggeri.