Incendio a Tor Bella Monaca: 8 persone intossicate

Ieri è scoppiato a Tor Bella Monaca, nella periferia di Roma, un violento incendio che ha interessato diversi appartamenti di un palazzo.

Autopompa Vigili del Fuoco
Autopompa Vigili del Fuoco – LettoQuotidiano.it

Due persone sono rimaste gravemente ferite e trasportate in ospedale con codice rosso.

Incendio a Tor Bella Monaca

8 persone sono rimaste intossicate in un incendio divampato ieri in tarda serata, il quale ha interessato un appartamento al sesto e ultimo piano di una palazzina.

Ci troviamo a Tor Bella Monaca, precisamente in viale Paolo Ferdinando Quaglia, dove le fiamme hanno avvolto l’intero piano e oltre all’appartamento in questione, i Vigili hanno interdetto diversi alloggi per i danni strutturali provocati dal rogo.

Anche i sanitari del 118 sono accorsi subito sul luogo dell’incidente per prestare le prime cure ai feriti, in particolare, 2 persone sono state trasportate d’urgenza in codice rosso verso l’ospedale, altri hanno riportato solo ferite lievi e sono stati medicati sul posto.

Per domare le fiamme sono intervenute 4 Aps, un’autoscala, un carro autoprotettori e un carro teli.

Palazzina in fiamme
Palazzina in fiamme – LettoQuotidiano.it

 

Fra i gravi portati in ospedale ci sono 8 persone rimaste gravemente intossicate perché hanno inalato molto fumo, ora i Carabinieri indagano per capire le cause dell’incendio.

Le operazioni di spegnimento

Sono 7 le famiglie costrette ad evacuare poiché l’incendio si è espanso molto velocemente, infatti 5 appartamenti sono stati interdetti per danni strutturali.

Ora le forze dell’ordine sono a lavoro per ricostruire la dinamica dei fatti, secondo quanto emerso finora il rogo avrebbe avuto luogo intorno alle 22.30 all’altezza dell’ultimo piano, ossia il sesto, dove abitava una donna di 44 anni insieme ai suoi animali domestici, un cane a un gatto trovati entrambi morti, illesa invece lei.

Subito è scattato l’allarme e i condomini hanno avvisato i pompieri, i quali hanno messo in sicurezza l’area.

I sanitari hanno trasportato gli intossicati gravi al Policlinico Casilino e fra questi, 2 sono particolarmente gravi, un 49enne e un 78enne che tuttavia non sono in pericolo di vita e si riprenderanno in poco tempo.

Le operazioni di spegnimento e bonifica dell’area sono terminate alle 4 del mattino di oggi e il raggio di espansione era davvero grande, infatti sono 3 gli appartamenti interdetti e 2 quelli temporaneamente inagibili.

Adesso si dovrà indagare per capire la causa scatenante. Una prima ipotesi in realtà già c’è, infatti sembra che le fiamme siano partite a causa di un corto circuito scatenato da un elettrodomestico casalingo.

Si attendono ulteriori risvolti in una vicenda che per fortuna, non ha causato morti e non ha coinvolto altri edifici della zona.