Libretti postali, multa da 500 euro per chi non fa quest’operazione allo sportello | Affrettati

Anche tu sei possessore di uno o più libretti postali? Se la risposta è sì, allora devi prestare particolare attenzione: se non ti rechi allo sportello a fare quest’operazione rischi una multa salatissima da 500 euro. Ecco cosa devi fare per non incappare in una penale da capogiro.

Libretti Postali
Libretti postali, attenzione alla multa da 500 euro – LettoQuotidiano.it

Essere possessori di un libretto postale è oggi comunissimo. Questa tipologia di libretto di risparmio è tra le più utilizzate dagli italiani. Ma lo sapevi che c’è una precisa operazione da fare allo sportello per evitare di ricevere una multa salatissima da 500 euro? Ti spieghiamo che cosa devi fare.

Libretti postali: attenzione alle differenti tipologie

I libretti postali, noti anche con il nome di libretti di risparmio, sono una sorta di salvagente d’emergenza, un piccolo salvadanaio su cui versare i propri risparmi e maturare interessi. Esistono tipologie numerosissime. C’è per esempio il libretto postale ordinario che è tra i più vecchi, emessi da Cassa depositi e prestiti S.p.A. e garantiti dallo Stato, che permette di effettuare i versamenti e prelievi utilizzando la carta libretto.

Libretti postali
Libretti postali – LettoQuotidiano.it

Oppure c’è il libretto postale Smart dotato di codice IBAN attraverso il quale è possibile ottenere anche l’accredito della pensione. Insomma, una soluzione tecnologica e innovativa, di facile intuizione anche per chi è un po’ più avanti con l’età.

A proposito di libretti postali, lo sapevi che se lo possiedi corri il rischio di avere una multa da 500 euro se non ti rechi allo sportello a fare questa operazione? Ti diamo tutti i dettagli per evitare di incappare in una penale salatissima.

Che operazione fare per non rischiare la multa da 500 euro

Se sei possessore di un libretto postale devi fare particolare attenzione: corri il rischio di beccarti una bella multa da 500 euro! Sai per quale ragione? Destinatari di questo provvedimento legale sono i possessori di libretti al portatore. Trattasi di una particolare tipologia di libretto di risparmio che viene intestato in via esclusiva solo a chi lo apre. Chi è titolare di un libretto al portatore può prelevare o versare soldi solo presentando il proprio documento di riconoscimento.

Libretto postale al portatore
Libretto al portatore – LettoQuotidiano.it

Ebbene, in virtù delle norme antiriciclaggio internazionali, individuate dal decreto legislativo n°90 del 2017 e recepite con una direttiva europea, non si potranno più considerare uno strumento di risparmio legale. Come mai il legislatore ha deciso di agire in questo senso?

Il libretto al portatore non permette di verificare effettivamente il titolare dei titoli di credito: aumentano così le possibilità di effettuare operazioni illegali o pericolose. Per evitare questi problemi, già in passato sono state previste limitazioni al denaro da depositare sul libretto nel rispetto delle norme antiriciclaggio ma questa soluzione non è risultata sufficiente ragion per cui si è deciso di eliminare definitivamente questo libretto di risparmio e di toglierlo dalla circolazione.

Ma non è tutto. Chi possiede un libretto al portatore rischia oggi una multa da 500 euro. Come evitare di incappare in questa sanzione? Hai tre alternative: la prima è quella di recarti in un ufficio postale e convertire il libretto al portatore in un libretto nominale.

La seconda opzione è quella di trasferire il tuo saldo su un altro conto deposito o libretto di risparmio a te intestato. La terza soluzione è richiedere la liquidazione della cifra depositata sul libretto al portatore.

Attenzione dunque! È necessario controllare bene i libretti di risparmio di cui si è in possesso e se si tratta di quello al portatore è necessario correre subito ai ripari per evitare la multa da 500 euro.