INPS, ti sottraggono una marea di soldi dalla pensione se non presenti questo modello

INPS: si prospetta ai danni dei pensionati una perdita di 155 euro se entro quest’anno non si presentare una domanda che riguarda la ricostituzione della pensione.

Pensioni inps
INPS modello da presentare – LettoQuotidiano.it

Non è insolito che i pensionati siano a digiuno di informazioni relative alla previdenza sociale, alle leggi che la regolano e a cosa offre.

INPS, attenzione al modello da presentare

Una gran parte dei pensionati percepisce una pensione sostanzialmente la stessa di quando è stata erogata per la prima volta, al contrario altri possono contare su una pensione che è aumentata a fronte di alcuni scatti (secondo l’andamento del tasso di inflazione), che si sono verificati all’inizio dell’anno.

INPS, coppia di anziani pensionati
INPS, coppia di anziani pensionati – LettoQuotidiano.it

Al contrario, è possibile in base ad alcune agevolazioni e ad alcuni regolamenti richiedere un aumento della pensione. Eppure, sono in molti a non essere a conoscenza del fatto che possono essere applicate.

Motivo per cui alcuni pensionati possono perdere 155 €uro se non presentano questa domanda all’INPS, la cui scadenza è entro la fine dell’anno. Vediamo per chi è possibile incrementare la pensione di circa 155 euro.

Per chi e come ricevere il supplemento alla pensione

Si tratta in particolare di 154,94 euro e si riferisce ai pensionati o ai pensionandi che non raggiungono il trattamento minimo INPS e che rispettano le caratteristiche richieste per il reddito.

In effetti, il pensionato in possesso di determinate condizioni di reddito ha generalmente diritto a importi aggiuntivi sulla pensione.

Sede INPS
Sede INPS – LettoQuotidiano.it

Possono ricevere 154,94 euro in più nel loro assegno pensionistico i pensionati in possesso di una pensione mensile di 524,35 euro per un totale annuo di 6816,55 euro.

Coloro che percepiscono un assegno mensile superiore a 524,35 euro al mese, fino a 536,27 euro, possono beneficiare di un importo inferiore. Se si supera questa cifra, l’aggiunta di 154,94 euro non sarà percepita.

Si tratta dell’importo aggiuntivo, dunque di un pagamento supplementare, su cui alcuni pensionati possono tranquillamente contare. Un provvedimento in vigore dal 2001, definito con la manovra finanziaria varata il 23 dicembre 2000.

Potranno ricevere l’importo aggiuntivo i pensionati che presentano la relativa domanda.

A parte l’importo della pensione, il reddito del pensionato ed eventualmente il suo reddito associato a quello del coniuge, come già anticipato, rappresentano un fattore molto importante.

Per determinare se è possibile ottenere il supplemento di circa 155 euro durante la pensione, è indispensabile stabilire sia il reddito del pensionato che il reddito accumulato con il coniuge.

Coppia di anziani sulla panchina
Coppia di anziani sulla panchina – LettoQuotidiano.it

Hanno diritto al supplemento i pensionati che non hanno un coniuge e il cui reddito non supera i 10.224,83 euro. Potranno usufruire dell’integrazione anche i pensionati con coniuge il cui reddito non superi i 20.049,65 euro.

L’INPS può determinarlo attraverso la banca dati di cui dispone con tutti rapporti informativi relativi al pensionato e basandosi anche su quanto lo stesso dichiara. Per chi, nonostante ne abbia diritto, non dovesse ricevere l’integrazione dovuta, deve presentare all’INPS la domanda di ricostituzione della pensione.

Il procedimento è abbastanza semplice, si deve accedere al sito dell’INPS nell’area riservata e attraverso lo SPID, la CIE o la CNS presentare la richiesta.