Earth day 2022, cos’è la Giornata Mondiale della Terra: corsa contro il tempo per salvare il Pianeta

Come ogni anno, anche oggi, 22 aprile, ricorre la Giornata Mondiale della Terra. Il tema scelto per il 2022 è “Investire sul pianeta”. 

termometro - ghiacciai
Giornata Mondiale della Terra – LettoQuotidiano.it

Nata nel 1970, la Giornata mondiale della Terra si celebra attualmente in 193 Paesi.

Giornata mondiale della Terra

Anche quest’anno, come accade ormai da 52 primavere, si celebra la Giornata Mondiale della Terra, che ricorre oggi, 22 aprile.

Nato nel 1970 negli Stati Uniti, per volontà del senatore statunitense Gaylord Nelson e promosso anche dal presidente americano John Fitzgerald Kennedy, l’Earth Day è l’appuntamento dedicato all’ambiente. La Giornata Mondiale della Terra si celebra in 193 Paesi.

Per il 2022 il tema scelto dagli organizzatori è “Investire nel nostro Pianeta”.

La Giornata Mondiale della Terra è l’occasione per ricordare quanto sia importante la salvaguardia del nostro Pianeta.

È ormai certo che le risorse terrestri non siano infinite, ecco perché è necessario prendersi cura della Terra.

Due anni fa è partito un countdown angosciante quanto necessario. Sul grattacielo Metronome, nella celeberrima Union Square di New York, è stato installato un orologio che segna, simbolicamente, il momento in cui la crisi climatica della Terra sarà inarrestabile e irreversibile.

L’idea del Climate Clock è stata dei due attivisti ambientalisti Gan Golan e Andrew Boyd.

Il countdown ci proietta in direzione di un’inevitabile apocalisse, se non saranno abbattute le emissioni di gas a effetto serra.

La fine simbolica di questo conto alla rovescia è il 1 gennaio 2028, quando la crisi climatica sarà ormai irreversibile.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CLIMATE CLOCK (@climateclock.world)

Gli obiettivi e l’importanza dei gesti quotidiani

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, la sfida più importante è quella di ridurre drasticamente le emissioni del 45% entro il 2030.

Il tutto per evitare che il surriscaldamento globale superi la soglia di 1,5°C.

Il rischio più grande, secondo gli scienziati, è rappresentato dall’innalzamento del livello del mare, provocato dallo scioglimento dei ghiacciai, causato, a sua volta, dalle temperature sempre più alte.

“Il 75% della superficie terrestre non coperta da ghiaccio è già stata significativamente alterata, la maggior parte degli oceani è inquinata e più dell’85% delle zone umide è andata perduta”

ricorda il Wwf.

Se l’Earth diventa un modo per ricordare e ricordarci della bellezza del nostro pianeta, non si deve dimenticare che anche i gesti quotidiani possono fare la differenza.

rifiuti in mare
Rifiuti in mare – LettoQuotidiano.it

Dall’evitare lo spreco di acqua, alla raccolta differenziata, al riciclo: ognuno di noi può preservare la salute del Pianeta.