“Questa pasta ti salva dall’infarto”, puoi mangiarne a volontà: protegge straordinariamente il cuore

Alimenti come la pasta sono spesso passati sotto controlli speciali, per verificarne i benefici possibili a livello di microbiota intestinale.

pasta salva infarto
pasta salva infarto – lettoquotidiano.it

Il cibo come cura, è un argomento che i presenta sempre più di frequente. Motivo per il quale si eseguono studi per comprendere l’effetto che alcuni alimenti hanno sull’organismo.

Alimenti come cura

Anche se non siamo nutrizionisti, grazie alle informazioni che possiamo reperire da più fonti, sappiamo che alcuni alimenti sono più benevoli di altri.

Quello che in modo generico viene definito “un sano stile di vita”, comprende che si assumano con una certa frequenza frutta  e  verdura.

Non solo, si è compreso che per quanto comodi i cibi fast food, fanno pagare un prezzo in salubrità del pasto, meglio invece i cibi contenenti Omega 3, capaci di ridurre il colesterolo e contrastare in tal modo la infiammazioni.

Diversi studi scientifici, come quello di recente condotto dall’Istituto di scienze della Vita Sant’Anna di Pisa, hanno messo in evidenza come assumendo un tipo particolare di pasta, possiamo metterci al riparo dal rischio di infarto.

Questa tipologia speciale di pasta è creata impiegando la farina di grano e una farina d’orzo ricca di beta glucano, ed è fabbricata in Italia.

Per quanto lo studio sia stato effettuato sui topi da laboratorio, questo ha dimostrato che la fibra contenuta in questa sostanza può funzionare come un by pass naturale per le coronarie.

Una pasta salva infarto  con Beta glucano

Ma cosa sono i Beta-glucani e in quale modo agiscono nel corpo?
Il beta-glucano è polisaccaride indigeribili o zuccheri complessi che in natura si trova nella struttura della cellula vegetale di funghi, licheni, alghe lieviti e in cereali quali: l’orzo, la crusca e l’avena.

Pasta italiana fatta in casa
Pasta italiana fatta in casa – LettoQuotidiano.it

Recenti ricerche scientifiche hanno evidenziato come questi polisaccaridi siano generalmente utili per la salute dell’organismo, agendo favorevolmente sul microbiota intestinale e sul sistema immunitario.

Il consumo di questo tipo di pasta induce la formazione di by-pass naturali, che consentono di sostenere il tessuto cardiaco a dispetto dell’occlusione di un’arteria coronaria.

La ricerca ha anche evidenziato come il consumare regolarmente la pasta d’orzo con beta-glucano promuova la proliferazione vascolare, ovvero dei vasi sanguigni collaterali al cuore.

Si è scoperto che una proteina, la parchina, presente nella pasta funzionale, contribuisce a ridurre il rischio di ischemia coronarica. Consumare pasta d’orzo, per di più, non comporta il rischio di innalzare i livelli d’insulina e non fa aumentare di peso.

È una terapia innovativa e non invasiva. Infatti, i trattamenti per combattere il blocco delle arterie risultano spesso invasivi e a volte si utilizzano farmaci vasodilatatori.

Ciotole con cereali vari
Ciotole con cereali vari – LettoQuotidiano.it