Bonus Inps 2021 senza ISEE fino a 1500 euro | Ecco chi può fare domanda

Il Governo concede il Bonus INPS 2021 senza ISEE fino a 1500 euro (partendo da un minimo di 960 euro) ai nuclei familiari.

bonus inps
bonus inps

I destinatari della misura sono genitori con figli piccoli (nati, adottati, in affido) e donne in gravidanza.

In attesa di conferme per l’assegno unico universale, parliamo di Bonus bebè e Bonus asilo nido 2021.

Bonus INPS 2021: dettagli sull’assegno di natalità (Bonus bebè)

L’assegno di natalità (Bonus bebè) spetta a cittadini italiani, comunitari o extracomunitari con figli fino al compimento del primo anno di età (anche adottivi o in affido).

Spetta un importo minimo (80 euro mensili, ovvero 960 euro all’anno) anche senza ISEE o per ISEE superiori ai 40mila euro.

Conviene presentare l’ISEE se il reddito annuo è basso perché si può ottenere un bonus più elevato:

  • 160 euro al mese se il reddito è pari o inferiore ai 7mila euro;
  • 120 euro al mese con un reddito compreso tra 7.001 e 40mila euro.

Sono previste maggiorazioni per ogni figlio successivo al primo, in caso di parto gemellare avvenuto lo stesso giorno oppure adozione plurima.

L’assegno di natalità viene corrisposto a partire dal 1° mese di nascita (adozione o affido). La richiesta va presentata entro 90 giorni dalla nascita o data di ingresso del minore in famiglia per adozione o affidamento preadottivo. Se la richiesta viene presentata oltre i 90 giorni si perderanno le mensilità precedenti e l’erogazione partirà dal mese di presentazione della domanda.

Bonus asilo nido 2021

A sostegno delle famiglie c’è anche il Bonus asilo nido per figli nati dal 1° gennaio 2016.

Il contributo è di 1.000 euro per le spese relative alle rette di asili nido pubblici e privati. L’incentivo contribuisce anche all’assistenza domiciliare di bambini con meno di 3 anni affetti da gravi patologie croniche.

Sulla base dell’ISEE minorenni aggiornata, relativa al minore per cui viene richiesto il contributo, l’importo del Bonus asilo nido è stato elevato fino a massimo 3mila euro.

Il bonus viene erogato direttamente dall’INPS su domanda presentata dal genitore di un minore nato o adottato se soddisfa i requisiti richiesti.