Prendere il sole d’inverno: gli incredibili benefici per il tuo corpo

Prendere il sole d’inverno, apporta notevoli benefici in quanto il sole ha un effetto drenante e rivitalizzante sul nostro corpo.

Prendere il sole d'inverno -Lettoquotidiano
Prendere il sole d’inverno -Lettoquotidiano

Il suo calore stimola la circolazione del sangue e favorisce così l’eliminazione delle tossine. La sua azione leggermente antibiotica ha anche un effetto positivo sulla nostra energia. È risaputo che uno dei modi migliori per aumentare la dose di vitamina D è attraverso il sole.

Prendere il sole d’inverno

Il sole ci fornisce il 90% della nostra vitamina D, che aiuta a proteggere dalle malattie e rallenta il processo di invecchiamento. Bastano solo 10-15 minuti al giorno al sole, che è meno del tempo necessario per scottarsi.

La vitamina D è essenziale per la crescita e il mantenimento delle ossa, nonché per la crescita cellulare. La ricerca sui benefici del sole suggerisce che la vitamina D può aiutare a rallentare la degenerazione cognitiva che si verifica con l’età e può ridurre il rischio di diverse malattie come il diabete di tipo 2, l’artrite, il cancro al seno e il cancro del colon-retto.

Contribuisce al nostro benessere

Anche se non siamo tutti sensibili allo stesso modo, la luce solare provoca la produzione di neuro-ormoni del benessere. Esattamente come la mancanza di luce a volte porta alla depressione stagionale, l’esposizione solare ricarica le nostre batterie!

Inoltre si avverte una maggiore sensibilità alla diminuzione di luce solare che deriva dalle giornate “più brevi” dell’inverno e interrompe il nostro ritmo circadiano, o orologio biologico interno.

Il grado di questa sensibilità, e la conseguente gravità della depressione invernale, deriva in gran parte da una combinazione di altri fattori, quali la geografia, la genetica e la chimica del cervello individuale.

Approfittare dunque delle giornate di sole invernale, non solo sostiene il morale, ma contribuisce al nostro benessere anche notturno.

Dormire meglio grazie al sole d’inverno

L’evoluzione del nostro corpo ci ha abituato a svegliarci e ad addormentarci in armonia con il sole.

La serotonina (che si attiva alla luce intensa) e la melatonina (che si attiva quando l’ambiente si oscura) sono responsabili del controllo del nostro ritmo biologico e sono fortemente influenzate dal sole.

Secondo alcune ricerche, uscire per 15 minuti ogni giorno, preferibilmente al mattino, aiuta a spegnere la produzione di melatonina del corpo, l’ormone che ti fa venire sonnolenza durante la notte.

Questo aiuterà il tuo orologio biologico a riconoscere che è ora di produrlo di nuovo quando fuori fa buio.

Rinforza il sistema immunitario

La sintesi della vitamina D rafforza il nostro sistema immunitario. Siamo quindi meno vulnerabili a infezioni, microbi e fenomeni infiammatori, che sono presenti in un gran numero di malattie autoimmuni, dunque nella stagione fredda prendere un po’ di sole giornalmente quando è presente, aiuta a combattere i mali di stagione.

Le cellule T sono un tipo di globuli bianchi che svolgono un ruolo molto importante nel sistema immunitario. Studi hanno trovato qualcosa di sorprendente: la luce blu, che si trova nei raggi ultravioletti, stimola le cellule T.

Se esposti alla luce blu del sole, si muovono più velocemente e sono quindi più efficienti quando arriva il momento di fare il loro lavoro correttivo di fronte all’infezione.

Prendere il sole regolarmente può aiutare a mantenere il sistema immunitario alto e pronto all’azione in caso di malattia.

La luce del sole abbassa la pressione alta

L’ipertensione è un problema serio, è una condizione che eleva il rischio di insufficienza renale, il rischio di ictus e infarto. Quando la pelle entra in contatto con i raggi ultravioletti del sole, il corpo produce ossido nitrico che si diffonde nel flusso sanguigno e aiuta a ridurre la pressione sanguigna.

Quindi questo è un buon motivo per prendersi un po’ di tempo per stare al sole.Il sole d'inverno -Lettoquotidiano