Richiami alimentari, ritirato minestrone di verdure: contaminazione microbica

Durante un controllo di routine è stato riscontrato che nel minestrone di verdure “Le Delizie Emiliane” ci sono dei batteri anaerobi solfito riduttori.

Il Ministero della Salute, sempre molto attento alle questioni alimentari, ha diffuso poco fa un importante allarme che riguarda il ritiro di un prodotto dagli scaffali del supermercato: scopriamo di quale si tratta.

Il richiamo del minestrone di verdure

La catena di supermercati Prix e il ministero della Salute hanno allertato i numerosi consumatori tramite un avviso di richiamo precauzionale. 

Si tratta di un lotto di minestrone di verdura venduto con il marchio Le Delizie Emiliane a causa di una non conformità microbiologica. 

L’azienda, durante un controllo di routine ha individuato una “contaminazione da batteri anaerobi solfito riduttori”.

Il ministero ha specificato di non consumare il l minestrone con il numero di lotto segnalato e restituirlo al punto vendita dove è stato acquistato, ci sarà anche un rimborso senza esporre lo scontrino. 

Dettagli sul minestrone di verdura

Il prodotto contaminato, che è stato richiamato, si potrà trovare nei banchi frigo ed è confezionato con delle vaschette da 600 grammi. 

Il lotto ritirato e il rispettivo 15/08/21, che coincide con la data di scadenza.

Il minestrone di verdura è stato prodotto dall’azienda Nuova Jolli Srl nello stabilimento diviale Caduti sul Lavoro 55, a Modena (marchio di identificazione CE IT 13C1R). 

Ribadiamo che la clientela non deve assolutamente consumare il prodotto in questione.

I rischi di salute sono seri, Giovanni D’Agata, Presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda massima allerta. 

Se dopo l’assunzione si avverte del malessere, contattare un medico. 

Il minestrone che era in vendita a livello nazionale nella catena di supermercati Prix, può ovviamente essere riportato in quasiasi punto vendita e tutte le filiali provvederanno a rimborsare il prezzo d’acquisto.

Leggi anche –> Richiami alimentari, ritirati numerosi lotti di cibo per gatti, rischio di pancitopenia felina