Donne vittime di violenza domestica: il dramma di restare a casa al tempo del codiv-19

La pandemia va fermata, è vero, dobbiamo restare tutti a casa! Ma se sei una donna e a casa convivi col tuo carnefice? Chi ti aiuta?

violenza sulle donne al tempo del covid-19

Restare in casa è ormai diventato un imperativo imprescindibile per combattere un nemico invisibile e subdolo chiamato Covid-19. Purtroppo, però, le decisioni adottate dal governo per il contenimento della pandemia, sono destinate ad avere un forte impatto anche sulle donne vittime di violenza.

Per alcune donne difatti “restare a casa” non è affatto l’opzione più sicura.

Per molte mogli e compagne accompagnare i figli a scuola o il semplice andare a lavoro, significa sfuggire anche solo per brevi periodi al maltrattamento e alle situazioni di sudditanza nelle quali vivono tutti i giorni. Ma per il momento questo non è possibile.

«Come il Covid-19, anche la violenza di genere è epidemica, globale e letale. È un morbo culturale capace di infettare luoghi, menti e corpi. Avete idea di che cosa significhi condividere 24 ore su 24 gli spazi familiari con il proprio maltrattante?», tuona la criminologa Anna Vagli che da anni si occupa di violenza di genere.

In uno scenario di prossimità col proprio carnefice e la riduzione dei contatti esterni, è molto più difficile per le donne abusate chiedere aiuto. Molte strutture di accoglienza delle vittime sono state in seguito all’emergenza Covid costrette a chiudere o a limitare fortemente la loro attività.

Tuttavia, è fondamentale rassicurare le donne: non siete sole!!

La rete antiviolenza nazionale resta comunque operativa. È infatti possibile contattare il numero 1522 attivo 7 giorni su 7 24 ore su 24 e in grado di fornire consulenze telefoniche e accoglienza delle donne che versino in condizioni di emergenza.

Inoltre, puoi scaricare l’App YouPol, che permette alle vittime di violenza domestica di essere geolocalizzate e soccorse dal commissario territorialmente più vicino. La puoi scaricare subito utilizzando i seguenti collegamenti diretti allo store:

Anche le donne sono costantemente in trincea, non dimentichiamocene!