Nave Gregoretti, condizioni igieniche pessime: il sì di Salvini allo sbarco

La situazione della nave Gregoretti sembra non essere sotto controllo, con condizioni igieniche compromettenti ma la conferma di sbarco da pochi minuti

Nave Gregoretti
Nave Gregoretti

La nave della Guardia Costiera Gregoretti è ancora al Porto di Augusta con quasi tutti i migranti a bordo. Le condizioni sono pessime e ora la Procura apre un fascicolo.

La situazione sulla nave Gregoretti

La nave della Guardia Costiera Gregoretti ha prelevato in totale 135 migranti, da due salvataggi differenti ricevendo immediato divieto da parte del Ministro dell’Interno di sbarco.

In questi giorni è stata data loro assistenza sanitaria e cibo ma le condizioni sembrano non essere favorevoli.

Un solo bagno per tutti e condizioni igienico sanitarie al limite, tanto che si temono malattie e una situazione che possa definitivamente degenerare. Non solo, mentre una donna in avanzato stato di gravidanza è stata fatta sbarcare – nella giornata di ieri anche 16 minorenni hanno raggiunto la terra ferma.

Le analisi da parte dei medici hanno confermato 26 persone malate e altre in pericolo.

Il sì per lo sbarco arriva dal vice premier Matteo Salvini, con la sicurezza che tutti i migranti a bordo verranno disposti in vari Paesi europei. :

“il problema è risolto, germania – grancia – lussemburgo – portogallo e vescovi italiani si faranno carico dei 116 migranti”

Il fascicolo aperto dalla Procura

La nave e gli altri migranti a bordo restano al Porto di Augusta senza poter scendere, ora pronti alla ricollocazione e allo sbarco che avverrà nelle prossime ore.

Nell’attesa era stato aperto un fascicolo – modello 45 – senza alcuna ipotesi di reato, ma necessario per compiere un intervento di tutela di tutti i migranti a bordo almeno sino a quando non era arrivata la risposta dal Viminale – in base alla decisione UE.