Ethiopian Airlines, dal disastro emergono i resti di Sebastiano Tusa

Polemiche per il disastro della Ethiopian Airlines, con il ritrovamento dei resti di uno degli italiani coinvolti nell’incidente

Ethiopian Airlines
Ethiopian Airlines

Dopo la polemica del terriccio dato al posto dei resti delle vittime del volo Ethiopian Airlines, i resti di Sebastiano Tusa sembrano essere stati ritrovati. Ecco gli aggiornamenti.

Terriccio al posto dei resti delle vittime del disastro aereo

La vedova di uno dei deceduti durante il disastroso incidente, Valeria Li Vigni, aveva denunciato la consegna di una bustina di terriccio al posto dei resti del marito Sebastiano Tusa – come abbiamo raccontato in questo nostro articolo.

Quello che emerge è che in questi mesi le autorità locali non sembrano aver dato molta attenzione alla vicenda, infatti molti parenti delle vittime si sono recate sul luogo per vedere di persona l’andamento delle ricerche.

Quanto trovato è stato veramente scioccante, tra effetti personali abbandonati tra le macerie e ossa umane consegnate alle autorità competenti ma ritrovate tra i “rifiuti”. Insomma, un vero e proprio calvario che sembra non avere certezza di una fine.

Il luogo dove è avvenuta la tragedia non è chiusa ma aperta a tutti i curiosi, che si recano sul posto e prendono quello che trovano – ovvero oggetti appartenuti alle vittime dello schianto.

Il ritrovamento dei resti di Sebastiano Tusa

Secondo alcuni media, la Farnesina avrebbe confermato il ritrovamento dei resti dell’assessore e archeologo Sebastiano Tusa.

L’uomo era ancora dato per disperso dopo il 10 marzo e ora si è data conferma del decesso, con la mobilitazione per far rientrare le sue spoglie a Palermo quanto prima possibile.

Una società inglese è ancora a lavoro, per gestire 3.000 reperti che sono stati raccolti sul luogo del disastro effettuando comparazioni con il DNA e velocizzare le pratiche.