Stupro circum “I tre devono tornare in carcere”: emerge una nuova svolta nel caso

Nessuno ha dimenticato la vicenda dello stupro della circum ed è emersa una nuova svolta nel caso e con una richiesta particolare. Cosa sta succedendo?

Stupro circum
Stupro circum

Ci sono degli aggiornamenti sul caso dello stupro circum e una svolta nel caso dei tre ragazzi, accusati precedentemente e poi rilasciati.

Lo stupro alla Circumvesuviana

Era il 5 marzo quando una ragazza di 24 anni ha denunciato uno stupro avvenuto dentro l’ascensore, da parte di tre ragazzi Alessandro Sbrescia – Antonio Cozzolino e Raffaele Borrelli.

Una vicenda molto complicata, dove più volte è stato richiesto di andarci cauti sia da una parte e sia dall’altra, senza che venissero fatte delle accuse nei confronti di tutte le persone coinvolte.

La ragazza ha testimoniato che i tre avevano già tentato un approccio intimo durante un precedente incontro, successivamente sfociato in violenza, con il pretesto di scusarsi per la volta precedente.

Secondo la ricostruzione, dopo aver raccontato il fatto alla madre la ragazza si è recata in commissariato ma durante gli interrogatori i tre giovani affermarono che la stessa fosse consenziente. 

Dal 22 marzo in poi i ragazzi vennero scarcerati uno alla volta dal Tribunale del Riesame, con la convinzione che gli stessi non avessero utilizzato violenza nei confronti della presunta vittima. 

L’aggiornamento del caso di stupro di San Giorgio a Cremano

Sono stati i pm Curatoli e Falcone – che conducono le indagini – a richiedere un ricorso in Cassazione che si terrà il 16 luglio prossimo.

I difensori affermano che esistono tutti gli elementi per mettere in luce e confermare la violenza subita proprio dalla ragazza, evidenziando che i tre debbano tornare in carcere per quanto accaduto.