Home News Zona gialla: le grandi città si preparano al weekend

Zona gialla: le grandi città si preparano al weekend

CONDIVIDI

Il prossimo, probabilmente, sarà il primo weekend in zona gialla e le grandi città si preparano a restrizioni anti folla.

zona gialla

Sarà una zona gialla caratterizzata da maggiori controlli e restrizioni alla movida.

I piani di sicurezza

Quello che sta per arrivare sarà il primo weekend in zona gialla per la maggio parte delle città italiane. Ecco perché, molte stanno cercando di varare dei piani di sicurezza ad hoc per contrastare folla ed assembramenti.

Un modo per correre ai ripari per evitare di assistere alle scene che si sono viste nello scorso fine settimana in città come Roma o Napoli.

Dei piani che prevedono dei controlli molto più serrati nelle strade in cui, solitamente, si concentra la movida ma anche nei centri storici e in prossimità dei negozi più frequentati. Suddivisione e accessi contingentati saranno in molti casi, il provvedimento.

A Roma, in particolare, sarà sorvegliata speciale la zona del Tridente. Saranno previste, infatti, limitazioni lungo Via Del Corso, Piazza del Popolo e di Spagna. Numerosi si prevedono i controlli anche sulla zona della terrazza del Pincio, con agenti a cavallo.

Si prevede, inoltre, che i controlli verranno estesi anche ad altre zone come: Trastevere, Eur, San Lorenzo, Ponte Milvio, Pigneto e piazza Bologna. Nel mirino anche la zona del mare, con il lungomare di Ostia.

Le disposizioni di Milano

I controlli saranno intensificati anche a Milano dove, lo scorso fine settimana, le persone si erano riversate principalmente in zona Navigli. Sorvegliate speciali anche le zone attorno a corso Como e corso Garibaldi. Gran parte dei controlli riguarderà anche l’effettiva chiusura dei locali agli orari previsti dal Dpcm.

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha previsto il divieto di stazionamento nelle zone più frequentate. I trasgressori potrebbero essere puniti con multe che vanno dai 400 ai 1.000 euro.

Intanto, nella giornata di oggi, sono attesi possibili cambi di colore per alcune regioni in cui, l’indice di contagio Rt, ha superato una certa soglia.