Home News Zanzare, come proteggersi mentre siamo in giardino?

Zanzare, come proteggersi mentre siamo in giardino?

CONDIVIDI

Le zanzare in giardino sono una delle conseguenze della bella stagione. Come possiamo difenderci da questi fastidiosi insetti?

zanzare

Le zanzare sono insetti molto fastidiosi, che stanno iniziando ad invadere i nostri giardini. Esistono dei rimedi naturali per eliminarle e poterci godere il nostro spazio esterno, senza rischiare di essere infastiditi o essere punti, con tutti i rischi del caso. Grazie alla globalizzazione, prevenire le punture delle zanzare, diventa molto importante perché ora rischiamo di prendere delle malattie tropicali come la Febbre del Nilo Occidentale, la Febbre Gialla, Zika e per i nostri amici a 4 zampe la filaria.

Metodi naturali per proteggerci

Se in casa basta mettere delle zanzariere alle porte e alle finestre, usare piastrine o oli essenziali, per gli spazi aperti non è possibile fare questo. In giardino come prima mossa, dobbiamo piantare piante che le zanzare non gradiscono, eliminare i ristagni d’acqua in modo da non fornire un ambiente adatto per le uova.

Possiamo utilizzare un insetticida naturale utilizzano il piretro, che è un estratto che si ottiene dai fiori del Tanacetum cinerariifolium. Se usato in modo corretto non ha problemi di tossicità ed è un insetticida utilizzato nelle coltivazioni biologiche e che può essere impiegato nei giardini, negli orti e nei frutteti.

Esistono vari prodotti che si basano su estratti naturali oppure su piretroidi di sintesi cioè ricreati in laboratorio. In ogni caso solitamente si tratta di prodotti da nebulizzare, per disinfestare il nostro giardino o altre aree aperte.

Dobbiamo nebulizzare il prodotto lungo il perimetro del nostro spazio esterno all’alba e al tramonto. Questo è il momento in cui abbiamo la maggior attività delle zanzare. Esistono dei sistemi automatizzati, che possono irrorare al posto nostro. Il piretro è del tutto naturale, si limita ad allontanare questo fastidioso insetto, senza ucciderle. Inoltre insetti impollinatori come api o farfalle, non vengono disturbati dalle erogazioni.