Home News Wirecard sarà estromessa dal DAX? Ecco quali sono gli aggiornamenti

Wirecard sarà estromessa dal DAX? Ecco quali sono gli aggiornamenti

CONDIVIDI

L’operatore di borsa Deutsche Boerse rimuoverà Wirecard dall’indice DAX delle principali blue chip tedesche a seguito di una modifica delle regole, segnalando un altro duro colpo per la società di pagamenti, secondo Reuters.

wirecard DAX

Il nuovo cambio di regola fa in modo che Deutsche Boerse possa estromettere le aziende a causa di insolvenza.

Le regole sono state proposte per la prima volta il mese scorso e la nuova composizione del DAX debutterà il 19 agosto ed entrerà in vigore dopo la chiusura del mercato il 21 agosto, che sarà l’ultimo giorno di Wirecard sull’indice.

Wirecard appartiene all’indice dal 2018, quando l’azienda era una stella nascente della scena tecnologica europea. Ha sostituito Commerzbank nell’elenco delle prime 30 società.

Ma i tempi sono cambiati. All’inizio di quest’anno, è scoppiato uno scandalo per mancati pagamenti nel rapporto annuale della società: ciò ha cagionato una valanga di arresti di funzionari di alto profilo, tra cui il CEO Markus Braun, e la perdita dello status di Wirecard.

Wirecard estromessa dal DAX: le vere motivazioni

La società ha presentato istanza di insolvenza a giugno.

Lo scandalo si è amplificato rapidamente fino a coinvolgere diversi revisori dei conti e regolatori, che presumibilmente conoscevano i metodi insoliti di Wirecard per trasferire denaro e hanno continuamente dato alla società l’ok per continuare a operare.

Nuovi dettagli sullo scandalo sono emersi continuamente negli ultimi mesi.

Ad esempio, all’inizio di agosto è emerso che i massimi funzionari di Wirecard potrebbero aver fatto irruzione nei fondi della propria azienda all’inizio di quest’anno in previsione della caduta della società e depositato $ 1 miliardo in società partner.

Anche i finanziatori della società sono in difficoltà a causa dell’insolvenza della società, ora in attesa di centinaia di milioni di euro a causa dell’inattività di Wirecard.

Wirecard avrebbe dovuto attendere l’avvio della prossima revisione programmata della composizione del DAX.

La prossima revisione non è prevista fino al 3 settembre.

La decisione di estromettere le società insolventi “con breve preavviso” in futuro è stata sostenuta in modo schiacciante da un sondaggio tra i partecipanti al mercato, ha riferito Deutsche Boerse.