Home Consigli in Cucina Vongole, come pulirle alla perfezione con il trucco della farina

Vongole, come pulirle alla perfezione con il trucco della farina

CONDIVIDI

Pulire le vongole bene con la farina è un antico segreto dei pescatori: zero sabbia nel piatto, assicurato! Ecco i passaggi per farlo nel modo giusto.

pasta con vongole pulite – iStock

Il segreto del pescatore per pulire alla perfezione le vongole è usare la farina nell’ammollo: un abile trucco per spurgare le vongole dalla sabbia!

Lo spaghetto alle vongole è un piatto semplice nella sua esecuzione: l’insidia sta proprio nella pulizia delle vongole.

La farina fungerà da cibo per le vongole, queste si apriranno per filtrare l’acqua e nutrirsi rilasciando così tutta la sabbia al loro interno. Vediamo come fare!

Pulire bene le vongole con la farina: i passaggi da seguire

Per pulire le vongole alla perfezione vi servirà:

  • 1 ciotola capiente
  • 1 scolapasta o un passino grande
  • 37g sale fino
  • 1litro acqua
  • 1 sacchetto di vongole
  • 1 cucchiaio di farina

Vediamo i passaggi da seguire per pulire le vongole nel modo corretto.

1.Acqua sale e farina

Abili pescatori e conoscitori di questi molluschi marini affermano che l’acqua di ammollo perfetta per spurgare le vongole è realizzata con la giusta proporzione tra sale, acqua e farina.

La formula segreta è 1 litro di acqua, 1 cucchiaio di farina e 37g di sale fino. Versate tutto nella ciotola e mescolate fino a che il sale non sarà sciolto.

Usare il sale fino velocizzerà lo scioglimento in acqua e la dose scelta è esattamente studiata per ricreare la salinità del mare nell’ambiente di ammollo. Un ambiente confortevole (salato al punto giusto) che ricordi quello marino aiuterà le vongole ad aprirsi!

Le vongole saranno più invogliate a schiudersi se c’è del cibo pronto ad aspettarle nell’ammollo. La farina ha proprio il compito di affamare le vongole: le stimola a schiudersi affinché rilascino tutta la sabbia all’interno del guscio per filtrare l’acqua di ammollo.

2. Buttare le vongole rotte

Probabilmente non tutte le vongole saranno ancora vive ed integre, dovrete assicurarvi di gettare nella spazzatura quelle rotte o con il guscio lesionato!

Nelle vongole col guscio rotto il mollusco è già morto e la conchiglia non si aprirà durante l’ammollo. Questo significa che tutta la sabbia all’interno rimarrà lì finendo successivamente nel piatto.

Basterà lasciare una sola vongola rotta e il vostro spaghetto alle vongole sarà sicuramente rovinato dalla sabbia non spurgata!

Controllate le vongole una ad una, lasciate solo quelle integre.

Ti potrebbe interessare: spaghetti allo scoglio

3. Ammollo per minimo 6 ore

Ora siete pronti per mettere le vongole in ammollo!

Usare lo scolapasta o un passino per permettere alla sabbia di scendere sul fondo senza rientrare nel guscio è la scelta migliore.

  1. Mettete le vongole nello scolapasta e poi adagiatelo nella ciotola.
  2. Le vongole dovranno essere totalmente immerse, mescolate per cospargere bene la farina ovunque. Mettetele in un luogo fresco, l’ultimo cassetto del frigo andrà benissimo.
  3. Dopo 4 ore cambiate l’acqua di ammollo: sul fondo troverete la sabbia spurgata. Estraete una ad una le vongole dalla ciotola senza smuovere i residui sabbiosi sul fondo.
  4. Svuotate la ciotola e riempitela nuovamente con le stesse dosi di acqua e sale, niente farina stavolta.
  5. Lasciate le vongole in ammollo altre 2 ore in frigorifero e poi potrete cucinarle perfettamente spurgate, niente sabbia è una promessa!

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”