Home News Volontari sani infettati per velocizzare il vaccino: la scelta della Gran Bretagna

Volontari sani infettati per velocizzare il vaccino: la scelta della Gran Bretagna

CONDIVIDI

L’esperimento, molto dibattuto, ha l’obiettivo di accelerare la ricerca sul vaccino.

infettati volontari sani Gran Bretagna

L’approccio di questa nuova sperimentazione viene definito “Challenge study”.

Volontari sani contagiati per realizzare il vaccino

Un approccio chiamato Challenge study che mira a velocizzare lo studio e l’ottenimento del vaccino, per accelerarne lo sviluppo.

È l’esperimento in atto nel Regno Unito che si sta preparando ad una mossa, non condivisa da molti ricercatori: iniettare il virus del Covid-19 a volontari sani per sviluppare il vaccino.

L’approccio, come riferisce anche Tgcom24, sembrerebbe essere anche molto rischioso, ma dovrebbe riuscire a produrre risultati in tempi più veloci, rispetto a quelli necessari per lo sviluppo di un vaccino standard, che segua tutti gli step richiesti per arrivare alla formulazione finale.

I volontari che saranno infettati sono tutti soggetti sani di età compresa tra i 18 ed i 30 anni: la produzione vedrà la collaborazione tra la hVivo, un’azienda già avviata nella conduzione dei test ed il Dipartimento per le imprese, l’energia e la strategia industriale, il Royal Free London NHS Foundation Trust.

“Infettare deliberatamente i volontari con un noto agente patogeno umano non è mai da prendere alla leggera”

ha fatto sapere uno dei co-ricercatori dello studio, il professor Peter Openshaw.

Nella prima fase, i ricercatori proveranno a capire quale sia il  minimo grado di esposizione perché si venga contagiati dalla malattia. Dopodiché, utilizzeranno lo stesso modello per capire come funzionano i vaccini una volta entrati in circolo nel nostro corpo, per comprenderne risposta immunitaria e trattamenti.