Home Spettacolo “Colleghi che volevano l’applauso”. Alfonso Signorini, sfogo brutale al programma di Caterina...

“Colleghi che volevano l’applauso”. Alfonso Signorini, sfogo brutale al programma di Caterina Balivo

CONDIVIDI

Alfonso Signorini ha aperto le porte della sua trentennale carriera alla conduttrice Caterina Balivo. Il garbato e professionale direttore di ‘Chi’ si è tolto alcuni sassolini dalla scarpa nel corso del programma web ‘My Next Book’.

Alfonso Signorini, giornalista e conduttore

Quando le interviste chiamano, Alfonso Signorini risponde. Siamo a My Next Book, la trasmissione 100% social ideata da Caterina Balivo e da suo marito Guido Maria Brera, in onda ogni giorno su Instagram.

L’innovativo programma web ha avuto come protagonista di spicco il conduttore e direttore del settimanale “Chi” Alfonso Signorini. Si sa, il 56enne milanese è un vulcano di idee, si butta a capofitto nelle sfide professionali e non ha il timore di reinventarsi.

Oltre a dedicarsi alla scrittura di capolavori letterari, Signorini è stato il conduttore dell’ultima incandescente edizione del Grande Fratello Vip 2020. Ed è proprio sulla scia di questo argomento che la presentatrice Rai Caterina Balivo ha proposto un’interessante intervista ai suoi 1,3 milioni di followers di Instagram.

Un’intervista ricca e coinvolgente, che ha fatto emergere le molteplici sfaccettature di un giornalista poliedrico che quest’anno, in barba alle critiche, si è messo alla prova come conduttore dello storico format di Canale 5.

Alfonso Signorini e le critiche efferate sul Grande Fratello Vip 4

I giudizi spietati dei media e le polemiche dei telespettatori di Canale 5 inerenti lo stile di conduzione di Alfonso Signorini, non hanno scalfito minimamente la sua autostima e il suo self control. Il 56enne milanese ha rivelato di non aver dato peso alle critiche distruttive pubblicate sul suo conto:

“Durante il Grande Fratello Vip non ho voluto leggere nulla… Non lo facevo nemmeno da opinionista. Avevo colleghi che volevano l’applauso facile e leggevano prima cosa diceva il pubblico. Il conduttore non deve essere di parte: ma chi l’ha detto?? Le opinioni fanno un conduttore a tutto tondo!”