Home News Virginia Raggi, il sindaco di Roma positiva al coronavirus: “Tutto bene, lavoro...

Virginia Raggi, il sindaco di Roma positiva al coronavirus: “Tutto bene, lavoro da casa”

CONDIVIDI

Il sindaco di Roma Virginia Raggi è positiva al Covid 19 e lo ha annunciato sui social. Ecco le sue condizioni di salute.

Virginia Raggi, il sindaco di Roma positivo al coronavirus: "Tutto bene, lavoro da casa"

Virginia Raggi ha dichiarato di essere risultata positiva al Covid 19, condizione che la limita tra le mura di casa dove continua a fare il suo lavoro.

Covid per il sindaco di Roma

Nella tarda sera di ieri 4 novembre, il sindaco di Roma ha scirtto un messaggio sulla sua pagina ufficiale social dichiarando e confermando la sua positività al virus che sta mettendo in ginocchio tutto il mondo:

“sono positiva al covid 19. sto bene e al momento non ho alcun sintomo. continuerò a lavorare da casa con la stessa determinazione di sempre”

Un messaggio positivo dietro ad una notizia che ha scosso i cittadini di Roma. Questo post è arrivato subito dopo la sua dichiarazione di auto isolamento:

“voglio informare che la scorsa settimana sono stata a contatto con una persona risultata oggi positiva al covid 19”

Per questo motivo ha immediatamente attivato tutte le misure previste dalla legge, effettuando il tampone e poi mettendosi in auto isolamento volontario.

Non solo, evidenzia che il suo lavoro da casa sarà svolto con ancora più passione e determinazione, viste le condizioni che la incitano a lottare sempre di più.

I dati di Roma sul Covid 19

E mentre il Sindaco si ritrova travolto dal virus, seppur senza sintomi e con uno stato di salute buono, il Lazio è attualmente inserito tra le Regioni di fascia gialla.

L’assessore Regionale alla Sanità D’Amato ha dichiarato che a prescindere dai colori di appartenenza, la cosa più inportante è portare la curva in basso il prima possibile e che sarà una fase molto lunga.

Parlando in numeri, comunicati proprio da D’Amato come cita La Stampa, ci sono 2.432 casi positivi con 34 decessi e 144 guariti su 26 mila tamponi svolti sulla popolazione.