Home Casi Violenza di gruppo, confermato il carcere per i 4: riconosciuto su Facebook...

Violenza di gruppo, confermato il carcere per i 4: riconosciuto su Facebook un altro aggressore

CONDIVIDI

Il gip ha confermato il carcere per i 4 giovani accusati della violenza di gruppo a Matera.

violenza matera confermato carcere

Una delle due ragazze avrebbe riconosciuto un altro aggressore su un social network. L’avvocato della vittima ha quindi sporto denuncia contro l’ottavo componente della banda.

Il racconto della violenza

Una notte terribile quella trascorsa da due giovanissime ragazze straniere, picchiate poi abusate, dopo aver partecipato ad una festa in villa a Matera la notte tra il 7 e l’8 agosto scorsi.

Stando al racconto delle due vittime, in vacanza nel capoluogo dai parenti di una di loro, una volta rientrate a casa, le due adolescenti hanno allertato i soccorsi, denunciando quanto subito da un gruppo di giovani.

Nei giorni successivi a quella drammatica notte, la Polizia ha arrestato 4 giovani di Pisticci, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo e lesioni personali aggravate ai danni delle due adolescenti straniere.

Stando a quanto emerso finora, tra i ragazzi coinvolti nella violenza ci sarebbero anche due trapper, Red Michael e Meus Deus.

I 4 giovani finiti in carcere sono: Michele Masiello, di 23 anni, Alberto Lopatriello, 22 anni, Alessandro Zuccaro, 21, e Giuseppe Gargano, 19.

Interrogati nei giorni scorsi dal Gip, i 4 non hanno risposto alle domande, avvalendosi della facoltà di non rispondere.

Secondo gli investigatori, le due ragazze sarebbero state drogate con qualche sostanza diluita nei loro drink.

Tra i ragazzi coinvolti nella violenza ci sarebbero anche due trapper, Red Michael e Meus Deus.

Il gip conferma il carcere

Come riferisce anche La Repubblica, il gip di Matera ha respinto il ricorso dei legati dei 4 giovani, che chiedevano l’attenuazione della misura cautelare, con la concessione dei domiciliari.

I presunti aggressori restano quindi in carcere. Una delle due vittime avrebbe riconosciuto un’ottava persona da alcune foto su Facebook.

L’avvocato della ragazza ha quindi presentato denuncia contro l’altro componente del branco, che la notte tra il 7 e l’8 agosto scorso ha violentato le due adolescenti inglesi.