Home Cronaca Vicenza, coppia di adolescenti progetta l’omicidio dei genitori: l’ombra di una sfida...

Vicenza, coppia di adolescenti progetta l’omicidio dei genitori: l’ombra di una sfida social

CONDIVIDI

I due sono stati fermati dai Carabinieri prima di riuscire a mettere in atto il loro diabolico piano.

adolescenti progettano omicidio genitori

Gli inquirenti non escludono che dietro il loro piano possa esserci l’ombra di qualche sfida social.

Il piano per uccidere i genitori

Stavano programmando tutto nei minimi particolari i due fidanzatini di Vicenza che avevano deciso di uccidere i genitori di lei. 

Come riferisce anche Tgcom24, il piano era già completo: mancavano pochi dettagli, tra cui la scelta del metodo per compiere il duplice omicidio.

A sventare il progetto sono stati i militari dell’Arma, grazie all’intervento di un amico della coppia. I due fidanzati non avevano mai nascosto ai coetanei le loro intenzioni e proprio uno di loro ha deciso di allertare le forze dell’ordine, quando si è reso conto che il progetto del duplice omicidio era assolutamente veritiero.

L’ombra di una sfida social

La Procura per i minorenni di Venezia ha quindi condotto una delicata indagine. I genitori della ragazza sono stati allertati dalle forze dell’ordine: dopo una prima, comprensibile titubanza, si sono dovuti arrendere al fatto che la figlia stesse progettando di ucciderli.

Non hanno mai abbandonato la ragazza, anzi hanno scelto di starle vicini. I due adolescenti sono seguiti da un team di psicologi ed assistenti sociali.

Sul piano diabolico gli inquirenti non escludono l’ipotesi di una sfida social, che possa aver spinto i due adolescenti a progettare il duplice omicidio.

Il timore è che dietro il piano messo in atto dalla ragazzina e dal suo fidanzato possa celarsi una sfida sul web, come quella che forse ha portato alla morte di un ragazzino di 11 anni a Napoli. Dietro il drammatico decesso del bambino, infatti, sembrerebbe esserci la sfida di Jonathan Galindo. 

Un account fittizio che abborda bambini ed adolescenti tramite i loro profili social inducendoli a compiere sfide estreme, talvolta anche la morte.