Home Cronaca Viareggio, muore annegato per salvare l’amica della figlia

Viareggio, muore annegato per salvare l’amica della figlia

CONDIVIDI

L’uomo di origine tunisina si sarebbe gettato in mare per salvare l’amica di sua figlia la quale stava annegando nelle acque di Darsena, a Viareggio.

Viareggio figlia
L’uomo sarebbe annegato nel tentativo di riportare a riva l’amica di sua figlia.

Una vera e propria tragedia si è sviluppata a Viareggio dove un uomo è annegato in mare per salvare la vita all’amica 15enne di sua figlia.

La vittima è un tunisino residente a Pistoia

La vittima si chiamava Tahar Zaidi ed era un uomo di origine tunisina di 57 anni, residente in provincia di Pistoia. L’incidente sarebbe avvenuto poco distante dallo stabilimento balneare posto su viale Europa in Darsena, a Viareggio.

L’uomo aveva deciso di concedersi una giornata di mare in compagnia della moglie e delle sue due figlie. Purtroppo però quando un’amica delle figlie ha deciso di fare il bagno è stata travolta dalla forte corrente.

Il bagnino avrebbe anticipato l’uomo sul tempo rendendo vano il suo soccorso

Vedendo in difficoltà la 15enne, Zaidi si è tuffato in mare con le intenzioni di salvarla. Sfortunatamente però, l’uomo non si era reso conto dell’intervento del bagnino il quale lo ha anticipato sul tempo.

Inoltre Zaidi sarebbe rimasto a sua volta vittima della difficile corrente del mare. Purtroppo per quest’ultimo all’arrivo dei soccorsi non c’è stato già più nulla da fare, la quantità d’acqua ingerita dai polmoni sarebbe stata eccessiva.

Ad intervenire a soccorso dell’uomo il personale dell’auto medica, del 118 della Versilia, della Croce Rossa e la capitaneria di porto. Ma nonostante ciò, come predetto, per Zaidi non c’è stato nulla da fare come riporta Fanpage.

Sempre Viareggio protagonista di un altro incidente letale solo 5 giorni fa. Si tratta di un uomo, il quale, mentre era impegnato a pescare ha accusa un malore rivelatosi poi fatale.

Anche in questo episodi i soccorsi sono stati tempestivi ma non sono bastati a tenere l’uomo aggrappato alla vita, accertandone la morte pochi minuti dopo.