Home News Vertice FED, si mira a mantenere i tassi di interesse vicini allo...

Vertice FED, si mira a mantenere i tassi di interesse vicini allo 0

CONDIVIDI

La Federal Reserve ha concluso il suo vertice durato due giorni: l’obiettivo è mantenere i tassi di interesse a breve termine ancorati vicino allo zero.

vertice FED

Oltre alla mossa prevista per mantenere la linea, la Fed ha anche rivelato la sua intenzione di mantenere i tassi bassi fino all’aumento dell’inflazione.

I tassi a breve termine rimarranno mirati allo 0%-0,25%. I funzionari hanno inoltre modificato le loro previsioni economiche per riflettere un calo del PIL e un tasso di disoccupazione più basso nel 2020.

Vertice FED, tassi quasi a 0 per 3 anni

Le proiezioni dei singoli membri hanno indicato che i tassi potrebbero rimanere ancorati vicino allo zero fino al 2023.

Questa è stata la prima volta che la commissione ha previsto le sue prospettive per il 2023.

La FED permetterà all’inflazione di incrementare al di sopra del tasso obiettivo del 2% prima di aumentare i tassi per controllare l’inflazione.

“Questi cambiamenti chiariscono il nostro forte impegno in un orizzonte temporale più lungo”,

ha riferito il Presidente Jerome Powell nella conferenza stampa post-riunione.

Vertice FED: inflazione poco più del 2%

Il Federal Open Market Committee ha adottato un linguaggio specifico per sottolineare l’obiettivo dell’inflazione.

“[…] il Comitato mirerà a raggiungere l’inflazione moderatamente al di sopra del 2 per cento per qualche tempo, in modo che l’inflazione sia media del 2 per cento nel tempo e le aspettative di inflazione a più lungo termine rimangano ben ancorate al 2 per cento”,

si legge nella dichiarazione post-riunione.

Il Comitato si aspetta di mantenere un orientamento accomodante della politica monetaria fino al completamento di questi risultati.

La commissione ha aggiunto che

“sarà opportuno mantenere questo range obiettivo fino a quando le condizioni del mercato del lavoro non avranno raggiunto livelli coerenti con le valutazioni del Comitato sulla massima occupazione e l’inflazione è salita al 2 per cento ed è sulla buona strada per superare moderatamente il 2 per cento per qualche tempo”.

Le azioni si sono aggiunte ai guadagni dopo la pubblicazione della Fed, anche se i rendimenti dei titoli di Stato sono stati poco cambiati.