Home News Venezia, i MOSE sparsi in Europa che hanno salvato quattro capitali europee

Venezia, i MOSE sparsi in Europa che hanno salvato quattro capitali europee

CONDIVIDI

Il MOSE non è la sola opera esistente del suo genere. Vediamo come quattro di loro hanno salvato altrettante capitali Europee

Venezia MOSE
Venezia MOSE

Venezia non è la sola città europea che deve lottare con l’acqua alta. Abbiamo visto i danni causati nella città, che forse si sarebbero potuti evitare con l’uso del MOSE. Abbiamo quattro infrastrutture simili in Europa, già in funzione e decisamente più economici di quello veneziano. Il MOSE deve essere fatto, perché secondo il progetto sarà in grado di salvare la città. Venezia verrà preservata da questo sistema di paratie per le future generazioni. Non è un’opera paragonabile alla tanto citata Rotterdam, dato che non possiamo piantare pilastri di cemento per chilometri a sostegno di migliaia di paratoie.

Le parole del CNR

L’esperto Georg Umgiesser, dellʼIstituto di scienze marine del Cnr di Venezia, ha analizzato la situazione, confrontando il MOSE con quelle costruite nelle altre nazioni. Il problema è stato risolta, ma bisogna ricordare l’unicità della situazione veneziana. Infatti l’esperto ha posto l’accento sul fatto che hanno compiti simili ma non identiche. Quella più simile alla nostra è quella che si trova a Bad Ems, in Germania. Quelle più citate sono quella costruita in Gran Bretagna, a Londra lungo il Tamigi e quella di Rotterdam in Olanda, che hanno un funzionamento completamente diverso da quello del MOSE.

Il MOSE si dovrebbe attivare ogni volta che l’acqua supera il mento 1,10 d’altezza. Questo fenomeno si verifica almeno dieci volte l’anno,cosa aggravata dal surriscaldamento globale. Infatti in futuro il problema dell’acqua alta a Venezia è destinato ad aggravarsi enormemente, dato l’innalzamento dei mari. Per questo è urgente agire, riducendo le emissioni d’anidride carbonica. Prosegue parlando della struttura olandese

“che è gigantesca e altissima e si chiude quando c’è una fortissima inondazione, cosa che è accaduta finora una volta in dieci anni”

Mentre a San Pietroburgo in Russia si è costruita una diga di 25 chilometri davanti alla baia, dotata di paratie che si chiudono e si aprono.