Home News Variante brasiliana covid: primo caso in Italia scoperto a Varese

Variante brasiliana covid: primo caso in Italia scoperto a Varese

CONDIVIDI

La variante brasiliana del covid è arrivata in Italia, a Varese. Il paziente positivo è un uomo rientrato a Malpensa dal Brasile.

variante brasiliana covid

Anche i familiari del paziente risultato positivo alla variante brasiliana del covid sono stati posti sotto osservazione.

E’ il primo caso in Italia

Il primo caso di paziente positivo alla variante brasiliana del covid è un uomo di 33 anni ricoverato a Varese. Il paziente aveva fatto da poco rientro dal Brasile, atterrando all’aeroporto di Milano Malpensa.

La comunicazione è arrivata dall’Ats Insubria che ha anche specificato la stretta osservazione dei familiari dell’uomo. La variante brasiliana del covid è infatti, ritenuta molto contagiosa.

Il 33 enne vive nel varesotto. Prima di atterrare a Malpensa aveva fatto scalo all’aeroporto di Madrid. Come previsto dalle ordinanze del Ministero della Salute, il 16 gennaio egli ha effettuato il tampone.

Proprio a seguito del tampone è risultato positivo alla variante. Il paziente è completamente asintomatico ma si è deciso di ricoverarlo poiché si tratta del primo caso in Italia. Sempre a Varese, qualche settimana fa, erano risultati positivi alcuni tra i primi pazienti della variante inglese del covid.

Una variante pericolosa

Unitamente alla Direzione Welfare di Regione Lombardia e l’Istituto Superiore di Sanità, l’Azienda di Tutela della Salute Insubria ha dichiarato il monitoraggio della situazione in tutta la Regione, in merito alla diffusione della variante.

Si pensa che la variante brasiliana, rispetto a tutte quelle fin ora scoperte, sia ancora più contagiosa delle precedenti. Per il momento, però, le autorità hanno dichiarato che è tutto sotto controllo e non ci sono motivi per allarmarsi.

La situazione va monitorata attentamente anche perché si deve comprendere se questa nuova variante, possa pregiudicare o meno l’efficacia del vaccino.

Scientificamente, si tratta della B.1.1.28 che, però, stando alle indagini iniziali, non sarebbero differenti per quel che riguarda la virulenza.