Home News Vaccino, il cinese BBIBP COrV è risultato positivo per combattere il Coronavirus

Vaccino, il cinese BBIBP COrV è risultato positivo per combattere il Coronavirus

CONDIVIDI

Si hanno notizie positive dalla Cina con il loro vaccino sperimentale risultato positivo per il Coronavirus.

Vaccino, il cinese BBIBP COrV è risultato positivo per combattere il Coronavirus

La risposta umanitaria al vaccino cinese BBIBP COrV è un dato che fa ben sperare per la lotta contro il coronavirus.

Il vaccino cinese risponde positivamente

Il mondo in questo momento è travolto dalla pandemia da Coronavirus e gli Stati stanno cercando una soluzione il più rapidamente possibile. Per arrivare a questo sono necessarie le sperimentazioni, valutando se i soggetti rispondano bene o meno alla composizioni chimiche studiate dai professionisti del settore.

Svolta da parte della Cina con una risposta immunitaria positiva a seguito della sperimentazione nei valori sani. Una risposta che è arrivata al 42esimo giorno dalla cura.

Si tratta del BBIBP COrV ed è uno dei candidati ufficiali per essere l’anticoronavirus e che è stato ottenuto utilizzando tutta la parte del virus inattivato: questa notte la notizia che è risultato essere sicuro.

Non solo, secondo quanto evidenzia il Tgcom, ha confermato di indurre una risposta immunitaria che riguarda i valori sani. Questi risultati emergono a seguito della sperimentazione fase 1-2 che sono stati pubblicati nella rivista The Lancet Infectious Diseases.

I volontari ad oggi coinvolti nella sperimentazione sono oltre 600 con età dai 18 sino agli 80 e con un quadro clinico sano. Questa sperimentazione è stata condotta dal 29 aprile sino al 30 luglio 2020 in Cina e tutti i partecipanti hanno avuto una risposta anticorpale al 42simo giorno a seguito della vaccinazione.

Uno degli autori di questo studio – Xiaoming Yang – ha evidenziato di quanto sia importante proteggere gli anziani da questo terribile virus. Loro sono un gruppo molto a rischio ed è incoraggiante – sempre secondo Yang – che ci sia finalmente una risposta positiva e che dia possibilità anche agli over 60 – come confermato dalla sperimentazione svolta sui soggetti sino agli 80 anni.

Nei prossimi giorni si avranno ulteriori notizie in merito.