Home News Coronavirus, Lancet:’ Forte risposta immunitaria del vaccino di Oxford’

Coronavirus, Lancet:’ Forte risposta immunitaria del vaccino di Oxford’

CONDIVIDI

Novità sulla sperimentazione del Vaccino anti Coronavirus, la risposta immunitaria del vaccino di Oxford è forte ma anche quello cinese ha buon esito: in corso la fase III.

vaccino coronavirus

Il vaccino anti Coronavirus sotto sperimentazioni a Oxford sta avendo ottimi feedback clinici: la risposta immunitaria è forte e ci sono buone speranze.

Sono risultati preliminari riferiti alle prime due fasi di sperimentazione e saranno fatti ulteriori studi per assicurarsi che protegga davvero dal Coronavirus.

Anche il vaccino cinese contro il SarsCov2 sta avendo ottimi risultati clinici e sta iniziando la fase III della sperimentazione.

Gli italiani non sono convinti di volersi sottoporre al vaccino: ecco i passi avanti fatti nella sperimentazione.

Ottima risposta immunitaria del vaccino di Oxford

Il vaccino anti Covid-19 ChAdOx1 creato dallo Jenner Institute della Oxford University in collaborazione con l’italiana IRBM ‘sta inducendo una forte risposta immunitaria e anticorpale fino al 56/mo giorno della sperimentazione attualmente in corso‘.

I risultati clinici e le testimonianze degli esperti sono state pubblicate sulla rivista Lancet.

Ben 1.077 adulti sani si sono sottoposti alla sperimentazione clinica nella fase 1 e nella fase 2.

Ulteriori studi, puntualizzano i ricercatori, dovranno essere messi appunto per assicurarne la validità al 100%.

Un vaccino decisamente promettente definito quindi per ora sicuro e con pochi effetti collaterali dall’equipe medica e dei ricercatori.

La forte produzione di anticorpi e di cellule immunitarie T in risposta all’iniezione del vaccino nei soggetti sottoposti alla sperimentazione fa ben sperare che possa essere il vaccino che ci salverà dalla pandemia.

Il Jenner Institute ci tiene a sottolineare che potrebbero esserci anche dei risultati migliori con l’iniezione di una seconda dose di vaccino: uno studio è già stato avviato su un sottogruppo di pazienti (10 persone).

Naturalmente gli autori hanno invitato alla cautela e hanno sottolineato che saranno effettuati ulteriori studi clinici su questo prototipo.

Il vaccino di Oxford al momento è lo studio più avanzato di tutta l’Europa, Boris Johnson ha twittato in merito:

un enorme messaggio di ben fatto ai nostri scienziati e ricercatori di Oxford, brillanti e di livello mondiale

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha speso parole di speranza in merito ai risultati pubblicati sul Lancet: “I primi riscontri scientifici sul vaccino dell’Università di Oxford, il cui vettore virale è fatto a Pomezia e che verrà infialato ad Anagni sono incoraggianti. L’Italia, con Germania, Francia e Olanda, è nel gruppo di testa per questa sperimentazione’.

I successi del vaccino cinese

I risultati della sperimentazione rilevano una buona risposta immunitaria anche del vaccino cinese SarsCov2 (Ad5-vectored COVID-19 vaccine).

I ricercatori lo hanno sperimentato durante la fase 2 su oltre 500 pazienti con esiti clinici ottimi.

Anche questi risultati sono apparsi sulla rivista Lancet: ‘è promettente come soluzione per contrastare il Covid-19′, affermano gli esperti.

L’equipe medica ha creato questo vaccino sulle tracce di un comune virus influenzale: un adenovirus innocuo che agisce sulla proteina Spike del coronavirus.