Home News Uragano Eta: 57 morti in Honduras, la regione più colpita

Uragano Eta: 57 morti in Honduras, la regione più colpita

CONDIVIDI

Le Honduras sono una delle regioni maggiormente colpite dal passaggio dell’uragano Eta che, proprio lì, ha mietuto 57 morti.

uragano eta

Dopo il passaggio dell’uragano Eta sono 8 le persone disperse nella regione. Lo hanno riferito le autorità sostenendo anche che i morti sono raddoppiati rispetto a domenica.

Le Hoduras regione più colpita

L’Uragano Eta ha fatto il suo passaggio alle Honduras. Una tempesta tropicale che è stata classificata come categoria 4, che ha investito principalmente i Paesi dell’America Centrale. Qui è giunto la scorsa settimana lasciando, sotto il suo passaggio oltre 200 morti e dispersi.

Nelle Honduras, in particolare, le autorità avevano segnalato 23 morti. Da domenica, invece, hanno affermato che sono più che raddoppiati. In particolare, nella valle del Sula, dove ha il cuore l’economia del paese, sono straripati due fiumi molto grandi. Diverse persone sono rimaste intrappolate nelle acque. Otto risultano, al momento, disperse.

Si è fatto sentire anche in altre zone

Nella giornata di ieri, Eta si è fatto sentire anche nel sud della Florida come, ad esempio a Fort Lauderdale. Nella zona, tante macchine sono state sommerse ed interi quartieri sono stati invasi dalle acque.

70 persone sono state uccise dal Messico a Panama. Le raffiche di vento di Eta arrivano a 81 chilometri all’ora. Domenica scorsa, durante l’Angelus, Papa Francesco ha rivolto il suo pensiero alle popolazioni colpite dalla tempesta.

Per la Croce Rossa si tratta di un vero e proprio disastro devastante poiché, le persone colpite, sono oltre due milioni e mezzo.

“Molti di loro sono donne, bambini e membri di comunità indigene che hanno perso tutto e non hanno accesso all’acqua e al cibo. In diverse comunità, le famiglie bevono acqua contaminata e hanno urgente bisogno di sostegno”.

Ha affermato il capo delle operazioni della Croce Rossa nelle Americhe.

La preoccupazione è anche come questa tempesta possa impattare sulla diffusione del coronavirus nella zona.