Home Spettacolo Uomini e donne, problemi con la polizia: Davide Donadei confessa il passato...

Uomini e donne, problemi con la polizia: Davide Donadei confessa il passato scomodo

CONDIVIDI

Uomini e Donne, Davide Donadei e i  “problemi con la polizia”: il passato scomodo del nuovo tronista pugliese

Davide Donadei
Il nuovo tronista di Uomini e Donne

Tra i nuovi tronisti del trono classi di  Uomini e Donne, la cui 25° edizione è partita su Canale 5 il 7 settembre, vi è anche Davide Donadei. Il giovane pugliese ha immediatamente catturato l’attenzione del pubblico femminile e pare che alle spalle abbia un passato ‘scomodo‘.

Quando era un ragazzino, infatti, il padre ha avuto una serie di problemi con le forze dell’ordine.

Uomini e Donne, Davide Donadei

Lunedì è andata in onda la prima puntata della 25° edizione di Uomini e Donne condotto da Maria De Filippi. Per quanto concerne il trono classico, quest’anno la padrona di casa ha previsto una sfida tra tre ragazzi per conquistare il tanto ambito trono del dating show di Canale 5. A salire sulla poltrona rossa sono Gianluca e Davide rispettivamente di 30 e 25 anni ed entrambi non hanno nessun trascorso nel mondo della televisione. ù

Durante il video di presentazione, Davide Donadei ha condiviso con i telespettatori un momento difficile del suo passato.

Il racconto del giovane tronista

Il giovane tronista pugliese lavora in un ristorante di Gallipoli. Nella breve presentazione andata in onda su Canale 5, ha subito rivelato alcuni dettagli molto intimi del suo passato. Quando era ragazzino, suo padre ha avuto problemi con le forze dell’ordine che gli hanno ‘danneggiato’ la sua immagine:

“Mio padre ha avuto problemi con le forze dell’ordine, per questo motivo il mio cognome potrebbe essere un problema”.

E fa una dolce dedica alla sua mamma:

“Ci ha cresciuti lavorando tutti i giorni, ha fatto da mamma e da papà”.

https://www.instagram.com/p/CE4N8uzhMIH/?utm_source=ig_web_button_share_sheet

Questa potrebbe essere l’occasione giusta per riscattarsi da un passato ‘scomodo’.