Home Spettacolo Uomini e donne, cavaliere in manette: accusato di scippo

Uomini e donne, cavaliere in manette: accusato di scippo

Un’accusa davvero molto grave quella rivolta all’ex cavaliere di Uomini e donne: è balzato alle cronache per un reato gravissimo.

In molti sicuramente si ricorderanno di lui. A Uomini e donne può capitare di tutto: anche che arrivi tra i cavalieri un uomo che viene poi accusato di furto.

Uomini e donne ex volto in convento?

Un’accusa piuttosto grave quella rivolta all’ex cavaliere del trono over: l’uomo è stato accusato di scippo.

LEGGI ANCHE –> ‘Roberta Di Padua incinta dopo Uomini e donne’: l’ex dama rompe il silenzio

Uomini e donne, ex cavaliere in manette

La notizia ha subito fatto il giro del web proprio perché riguarda un ex volto di Uomini e donne. Si tratta dell’arresto di Patrizio Faggioli, cavaliere del trono over arrestato con l’accusa di scippo.

La notizia ha fatto il giro dei social e dei siti perché Patrizio è stato un volto del Trono Over di qualche anno fa. A rendere nota la vicenda è stato il quotidiano La Stampa, che ha spiegato cosa è successo e ha fatto una breve ricostruzione dei fatti.

Il fatto è accaduto a Sanremo. Si tratta di una rapina che risale a due anni fa, ma l’ex Cavaliere di Maria De Filippi è stato arrestato  solo in questi giorni a Imperia.

L’ex cavaliere e il percorso nel programma

L’accusa è di aver pedinato la vittima per la città e di averle sottratto la borsa appena imboccato un vicolo deserto. Gli inquirenti hanno rivelato che nella borsa c’erano circa 1500 euro, che la donna aveva appena prelevato in banca.

La notizia arriva a poche ore da quella che riguarda un altro personaggio visto in tv , l’arresto di  un ex concorrente dell’Eredità accusato di omicidio.

Patrizio Faggioli vive e lavora in Costa Azzurra, a Cannes e al programma ha partecipato nel lontano 2014. I due uscirono dal programma insieme per conoscersi fuori. Entrambi gli opinionisti però non credevano a Patrizio e hanno ostacolato a più riprese la sua frequentazione ritenendola falsa.