Home News Morto il presidente dell’Unicef Italia, Francesco Samengo: aveva il Covid

Morto il presidente dell’Unicef Italia, Francesco Samengo: aveva il Covid

CONDIVIDI

Samengo, che ha fatto parte dell’associazione per più di 20 anni, era stato nominato presidente nel 2018.

Samengo
Il presidente dell’Unicef si è spento a causa del Covid.

Il Covid-19 avrebbe fatto un’altra vittima illustre nelle ultime ore. Il virus, infatti, si è portato via il presidente dell’Unicef Italia Francesco Samengo. L’uomo, infatti, era già da diversi giorni ricoverato presso lo Spallanzani di Roma.

Il presidente era già da qualche giorno ricoverato allo Spallanzani a Roma

“È Stato per tutti una guida sicura, un esempio di abnegazione e instancabile costanza, uno sprone a dare sempre il meglio di noi nel perseguire la causa dei diritti dei bambini in Italia e nel mondo”.

Questo il saluto lasciato dall’associazione al proprio presidente. Francesco Samengo, infatti, si sarebbe sempre battuto in prima linea per la difesa dei diritti dei bambini in Italia ed anche nel resto del mondo. Nei due anni nel quale l’uomo è stato in carica ha guidato l’organizzazione con grande impegno, passione e dedizione.

“La vicepresidente Carmela Pace, il consiglio direttivo, il direttore generale Paolo Rozera, i presidenti regionali e provinciali, i volontari Unicef e tutto lo staff si stringono con dolore e con affetto alla sua famiglia, fiduciosi che nella forza del suo esempio troverà il conforto per affrontare questa grande perdita”.

Questo uno dei messaggi più commoventi rilasciati dall’Unicef, associazione in cui, oltre ad aver ricoperto il ruolo di presidente, Francesco Samengo ha militato per più di vent’anni. La carriera di quest’ultimo è stata subito in rapida ascesa, infatti, già nel 2001 era stato nominato Presidente del Comitato Regionale della Calabria per l’Unicef.

Per venti anni Samengo è stato uno dei punti fermi dell’Unicef

Infine, Samengo era nato a Cassano Jonio ma ha sempre vissuto a Roma dove si è anche laureato in economia e commercio. Inoltre l’uomo sarebbe stato iscritto all’albo dei dottori commercialisti e dei revisori contabili, oltre ad ricoperto importanti ruoli manageriali ed apicali in numerose aziende pubbliche.