Home Casi Uccisa con un’ascia dal padre: la sorella aveva provato a difenderla

Uccisa con un’ascia dal padre: la sorella aveva provato a difenderla

CONDIVIDI

Emersi particolari agghiaccianti sull’omicidio della 22enne uccisa dal padre con un’ascia. La sorella svela un precedente episodio.

Reyhaneh Amari
Reyhaneh Amari uccisa a colpi d’ascia

Nella storia di Reyhaneh, giovane iraniana uccisa dal padre con un’ascia per essere rincasata tardi si aggiungono ora altri particolari raccontati dalla sorella della 22enne.

Reyhaneh colpita a morte con un’ascia per essere rientrata tardi

La terribile storia di Reyhaneh ha sconvolto il mondo e portato all’attenzione della cronaca la condizione delle donne in Iran, spesso vittime di femminicidi orditi da familiari.

Il caso della 22enne uccisa dal padre perché rientrata tardi a casa, non è isolato infatti: a distanza di pochi giorni un’altra ragazza di 19 anni è stata decapitata dal marito come riporta Il Gazzettino.

La giovane Reyhaneh Amari ha subito una terribile sorte: massacrata a colpi d’ascia dal padre a seguito di una lite scatenata al suo rientro a casa.
La giovane, secondo la mentalità rigida del padre, era colpevole di essere rientrata troppo tardi, alle 23.30.

La 22enne prima dell’aggressione aveva girato un video insieme ad un amico, mostrando la spensieratezza della sua giovane età.

Il padre aveva già tentato di uccidere: l’agghiacciante testimonianza della sorella

La fine di Rayhaneh è stata orribile, abbandonata a morire da sola per strada, dissanguandosi.

Dalle testimonianze successive alla scoperta del tremendo delitto però emerge quella della sorella.
La ragazza è stata la prima ad insospettirsi una volta rientrata a casa: l’atteggiamento del padre le era sembrato strano ed aveva subito cercato la sorella.

La scoperta terribile della stanza della giovane vuota ma piena del suo sangue aveva confermato che qualcosa di terribile era accaduto.

La sorella ha raccontato che il padre aveva già tentato di uccidere la povera Rayhaneh, picchiandola con un bastone e minacciando che l’avrebbe uccisa prima o poi.

La 22enne, colpevole solo di voler vivere spensieratamente e in libertà i suoi anni, in quell’occasione si era salvata solo per l’intervento della sorella come riporta Il Sussidiario.
Sfortunatamente ciò non si è ripetuto nell’ultimo episodio e la ragazza ha perso la vita in maniera orribile.