Home News Uccide la moglie incinta e le due figlie piccole: “Volevo stare con...

Uccide la moglie incinta e le due figlie piccole: “Volevo stare con la mia amante”

CONDIVIDI

Chris Watts uccide la moglie incinta e le sue due bambine, facendole scomparire nel nulla. Conosciamo insieme i dettagli della tragedia.

Uccide la moglie incinta e le due figlie piccole: "Volevo stare con la mia amante"
Chris Watts con moglie e figlie Instagram

Una famiglia apparentemente felice che in un attimo viene distrutta per il capriccio sentimentale dell’uomo di casa. Chriss, in un momento di follia, uccide la moglie e le figlie per poi fingere la loro scomparsa.

Uccide la moglie e le figlie: la vicenda

Siamo in Colorado – Stati Uniti – nel piccolo villaggio di Frederick dove Chris Watts, 32 anni, vive insieme a sua moglie Shannan di 34 anni e le loro due bambine Bella e Celeste.

In un giorno normale, il viso disperato di quest’uomo appare su tutti i telegiornali per chiedere aiuto nel ritrovamento delle donne della sua famiglia scomparse nel nulla. Ma non tutto è come sembra, perché si scoprirà essere lui ad averle assassinate e seppellite in un giacimento di petrolio.

Uccide la moglie e le figlie: la tragedia

E’ stato il quotidiano inglese “Mirror” a ricostruire tutta la storia, definendo la loro una famiglia normale con alcuni alti e bassi. Shannan aveva scoperto da poco di essere nuovamente incinta e aveva dedicato a suo marito delle frasi d’amore su Instagram – definendolo l’amore della sua vita.

Ma quell’uomo così speciale, in realtà, non voleva più stare in famiglia ed era geloso dei molteplici successi professionali della moglie. Messo alle strette dalla Polizia, che sospettava di lui da tempo, ha confessato di aver strangolato la moglie incinta e ucciso le bambine: tutti i corpi sono stati ritrovati all’interno del giacimento di petrolio, trasportati da Chriss con il Pick Up.

Perché tutto questo? Per stare con la sua amante e cominciare una nuova vita. Peccato che l’uomo sia stato condannato all’ergastolo, definito dagli inquirenti come l’omicidio più inumano negli ultimi tempi.