Home Politica Turchia, pressing di Erdogan per cancellare serie tv con un personaggio gay

Turchia, pressing di Erdogan per cancellare serie tv con un personaggio gay

CONDIVIDI

Turchia contro la comunità LGBTQ, cancellata serie tv Netflix con un personaggio gay.

comunità LGBTQ

Turchia sempre più omofoba, la comunità LGBTQ è a rischio a causa dell’aumento della retorica omofobica.

Una raffica di retorica omofobica ha messo a rischio la già vulnerabile comunità LGBTQ della Turchia, offuscando ciò che resta dell’immagine del paese come una società musulmana relativamente aperta che ha fornito rifugio a gay e lesbiche.

Negli ultimi mesi, una serie di insulti ed offese sono giunte dai massimi vertici del potere: il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha suggerito che i gay sono pervertiti, un alto funzionario della sanità pubblica li ha comparati con i pedofili e l’imam superiore ha avvertito che diffondono malattie.

Anche Netflix ha dovuto cedere al pressing esercitato dal presidente turco per annullare una serie con un personaggio gay.

“If Only”, serie originale Netflix di produzione turca, è stata cancellata alla vigilia delle riprese: la sceneggiatrice ha denunciato le pressioni da parte del governo di Erdogan per la presenza di un personaggio omosessuale.

La sceneggiatrice Ece Yorenc ha sottolineato che:

“A causa di un personaggio gay, il permesso di girare la serie non è stato concesso.

Si tratta di una cosa molto spaventosa per il futuro”.

Inoltre, la stessa sceneggiatura non prevedeva la presenza di scene d’amore gay né contatti fisici tra il personaggio in questione e altri.

Le stesse autorità locali hanno ammesso di aver esercitato molta pressione, mentre l’opposizione parla esplicitamente di censura.

La Turchia di Erdogan sempre più contro la comunità LGBTQ

La Turchia è sempre stata una nazione decisamente “gay-friendly”, concepita come una sorta di rifugio per la comunità LGBT del Medio Oriente, ma il governo di Recep Tayyip Erdoğan ha manifestato negli anni una dura repressione nei confronti della comunità LGBTQ.

Il governo turco, dopo aver respinto un colpo di stato militare del 2016, ha incarcerato migliaia di politici curdi, difensori dei diritti umani, avvocati e altri oppositori.

La retorica anti-gay fa anche parte di una rinascita nella polarizzazione della politica dell’identità in Turchia.

Il Presidente Erdogan è un nazionalista e fervente religioso che rafforza il sostegno cedevole del suo partito con radici islamiche.

“Questo è un periodo di oscurità in cui stiamo cercando di sopravvivere. Non lo definirei così vivo “,

sottolinea Levent Pişkin, un attivista della comunità LGBTQ.

“Il discorso di coloro che detengono il potere ci rende capri espiatori e obiettivi in ​​una società che era già soggetta all’omofobia”,

ha affermato Pişkin, legale per i diritti umani.

Turchia omofoba: Tweet, prediche e attacchi nei confronti della comunità LGBTQ

Discorsi di odio, violenza e discriminazione hanno già messo la Turchia all’ultimo posto nella classifica del gruppo di patrocinio ILGA-Europa nella classifica dell’uguaglianza LGBTQ.

La situazione è peggiorata negli ultimi mesi. A giugno, Erdoğan ha avvertito che “attacchi insidiosi” ai valori tradizionali della Turchia sono equiparabili a una minaccia alla sicurezza nazionale.

“Alcune persone cercano di normalizzare le perversioni che sono state condannate nel corso della storia umana per avvelenare le giovani menti”,

ha riferito in un discorso televisivo, esortando i turchi a

“prendere una posizione contro coloro che mostrano eresie che nostro Signore ha proibito”.

L’intervento è giunto dopo che la Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC) ha condannato l’omofobia in un tweet cancellato da uno dei suoi vice presidenti, Kerem Kınık, che guida anche la Mezzaluna Rossa turca.

Kınık giurò di combattere coloro che

“descrivono l’anormale come normale e iniettano fantasie pedofiliche nelle giovani menti come se fosse la modernità”.

Dopo che un alto consigliere di Erdoğan ha accusato l’IFRC di aver tentato di “mettere a tacere” la Turchia con “propaganda LGBT”, anche il tweet dell’organizzazione umanitaria sembra essere stato cancellato.

Ali Erbaş, che guida la direzione degli affari religiosi dello stato, ha predicato in un sermone televisivo sull’epidemia di coronavirus in aprile che l’Islam condanna l’omosessualità perché

“porta malattia e decadenza”.

Erdoğan ha difeso Erbaş, sottolineando che

“le sue osservazioni sono vere fino alla fine”.