Home Cronaca Twitter sospende definitivamente l’account di Trump: “Rischio di ulteriore incitamento alla violenza”

Twitter sospende definitivamente l’account di Trump: “Rischio di ulteriore incitamento alla violenza”

CONDIVIDI

Twitter ha sospeso definitivamente l’account del presidente Trump per un modello di comportamento che violava le regole aziendali.

L’azione è stata la punizione più radicale che qualsiasi grande azienda di social media abbia mai preso contro Donald Trump, che ha usato il suo account Twitter per annunciare la politica della Casa Bianca, attaccare i rivali e diffondere ampiamente disinformazione.

Per anni, Twitter è stato sotto pressione visto che ha limitato i tweet dell’ex Presidente degli Stati Uniti.

Eppure i funzionari di Twitter sono rimasti fedeli al proprio modo di agire, poiché la piattaforma – generalmente – offre ampio spazio agli account dei leader mondiali i cui post hanno valore pubblico.

Twitter sospende account di Trump
Twitter sospende account di Trump

Twitter blocca per sempre l’account di Trump

Tutto è cambiato in seguito alle violente rivolte che hanno colpito il Campidoglio all’inizio di questa settimana dopo un diluvio di post che tentavano di sabotare il risultato delle elezioni presidenziali.

Ora, @realDonaldTrump è stato bloccato per sempre.

“Dopo un’attenta revisione dei recenti tweet dell’account @realDonaldTrump e del contesto che li circonda, in particolare il modo in cui vengono ricevuti e interpretati dentro e fuori Twitter”.

In funzionari aggiungono: “abbiamo sospeso definitivamente l’account a causa del rischio di ulteriori incitamenti alla violenza“,

Questo è quanto ha rivelato la società ha detto in una dichiarazione.

La rivolta verso Twitter

Trump dice che Twitter ha messo a tacere lui e i suoi sostenitori. Non ci è voluto molto perché Trump cercasse di aggirare il divieto. Trump ha twittato quattro messaggi dall’account @POTUS. Tutti sono stati immediatamente cancellati.

Nei post, che Trump ha condiviso anche in una dichiarazione scritta, ha accusato Twitter di vietare la libertà di parola.

Ha detto che Twitter ha messo a tacere lui e “i 75.000.000 di grandi patrioti che hanno votato per me“.

Ha anche fatto eco alle lamentele su uno scudo legale, noto come Sezione 230, che ha protetto a lungo le società tecnologiche da azioni legali su ciò che è pubblicato sui loro siti.

Twitter sarà anche un’azienda privata, ma senza il dono del governo della Sezione 230 non vivrebbe a lungo”,

ha scritto il presidente.

Trump ha affermato che la sua presenza sui social media si sposterà su una piattaforma ancora sconosciuta.

Abbiamo negoziato con vari altri siti e faremo presto un grande annuncio, intanto teniamo in conto anche varie possibilità di costruire la nostra piattaforma nel prossimo futuro. Non saremo messi a tacere!

ha detto l’ex presidente a stelle e strisce.