Home News Truffa Inps, arresti per false invalidità e denunce: scambio di soldi

Truffa Inps, arresti per false invalidità e denunce: scambio di soldi

CONDIVIDI

Blitz della Guardia di Finanza per truffa all’Inps con decine di false invalidi in cambio di soldi. Ecco come si è svolta l’operazione

Truffa Inps
Truffa Inps

Una operazione dal parte della Guardia di Finanza per truffa all’Inps dove alcune persone facevano finta di essere invalide in cambio di soldi.

Il blitz della Guardia di Finanza a Palermo

Due persone sono state arrestate a seguito della indagine da parte delle Fiamme Gialle, che hanno portato alla luce una organizzazione llecita di Palermo.

In cambio di denaro facevano ottenere le indennità previdenziali o assistenziali: falsi invalidi tra ciechi finti e persone incapaci di camminare pinzati a guidare l’automobile.

Le due persone arrestate sono un uomo di 57 anni e un uomo di 47 anni accusati di truffa aggravata, falsità ideologico e traffico di influenze illecite.  Non solo, perchè è partita anche una denuncia nei confronti di alcuni dipendenti pubblici – medici generici – componenti delle Asl e responsabili dei Caf che hanno permesso tutto questo.

Le persone che sono state arrestate erano a capo dell’organizzazione, avvalendosi della collaborazione e complicità di terze persone operanti in vari settori: la truffa andava avanti da anni, con un sistema organizzativo nutrito.

Chi si occupava di trovare i clienti, doveva individuare persone che in cambio di soldi avrebbero sicuramente partecipato alla truffa senza denunciare o fare domande. A quel punto venivano mandati dai medici che consegnavano i certificati falsi con la segnalazione dell’invalidità scelta.

Una volta che tutta la procedura andava a buon fine, il cliente poteva ottenere l’incasso della pensione di invalidità. Il Gip ha disposto anche il sequestro di 100mila euro.