Home News Trentino, catturato l’orso M49: il grido di protesta degli animalisti

Trentino, catturato l’orso M49: il grido di protesta degli animalisti

CONDIVIDI

È stato catturato l’orso M49, dopo la fuga, avvenuta lo scorso mese di luglio, dal recinto del Casteller, in Trentino.

catturato orso m49

L’operazione è stata portata a termine nella zona del Lagorai, dove l’animale si trovata nell’ultimo periodo.

La fuga dell’orso M49

È scappato per ben due volte, dal centro faunistico del Casteller, nel giro di pochi mesi, l’orso M49 che, questa mattina, è stato catturato dal Corpo forestale del Trentino.

Come riferisce anche l’Ansa, l’operazione di cattura, mediante una trappola a tubo, è avvenuta nella zona del Lagorai, dove l’orso si trovava nell’ultimo periodo, dopo essere riuscito a liberarsi anche del radiocollare.

M49 era evaso una prima volta nel luglio del 2019. Catturato nell’aprile dell’anno successivo, per impedirgli una nuova fuga era stato rinforzato il recinto in cui viveva. Lo scorso 27 luglio, però, l’animale era riuscito comunque a scappare, distruggendo la rete elettrificata, che era stata installata nel Centro faunistico appositamente per evitare ulteriori fughe.

La cattura e la protesta degli animalisti

“Basta accanimento contro M49. Chiediamo che l’orso venga nuovamente provvisto di radiocollare, rimesso in libertà consentendogli così, tra poco, di andare in letargo”

La richiesta è di Massimo Vitturi, responsabile Lav animali selvatici.

Sulla questione è intervenuta anche l’Enpa, Ente Nazionale Protezione Animale, che ha annunciato un appello agli organi dell’Unione Europea perché l’orso venga immediatamente rimesso in libertà.

Opinione ben diversa, invece, quella palesata dai rappresentanti di Coldiretti, che hanno accolto con gioia la notizia della cattura dell’animale.

“La cattura fa tirare un sospiro di sollievo a chi vive la montagna e si sente indifeso di fronte ai pericoli di un esemplare del quale è stata scientificamente accertata l’aggressività”

ha fatto sapere l’Organizzazione degli imprenditori.

L’M49 sarebbe responsabile, secondo il resoconto di Coldiretti, di almeno il 30% dei danni provocati dagli orsi in Trentino.