Home News Tredicesime: oltre 13mila dipendenti percepiranno un importo medio di 956 euro

Tredicesime: oltre 13mila dipendenti percepiranno un importo medio di 956 euro

CONDIVIDI

Tredicesima: 12,5 miliardi di euro netti per 13,1 milioni di dipendenti del settore privato

Osservatorio statistico dei Consulenti del Lavoro: per 13,1 milioni di dipendenti del settore privato le tredicesime di fine anno saranno pari a 12,5 miliardi di euro netti con un “importo medio di 956 euro“.

Dai dati statistici è emerso che c’è un’ampia “forbice” fra addetti part-time (529 euro) e a tempo pieno (1.192 euro).

Si deve pensare che una percentuale pari al 37% delle tredicesime viene pagato nelle regioni del Nord-Ovest, mentre una percentuale del 16% in quelle del Sud.

Scopriamo a quanto ammontano le tredicesime erogate a favore dei lavoratori privati.

Tredicesime: donne lavoratrici penalizzate dal part time

Secondo le stime elaborate dall’Osservatorio Statico dei Consulenti del Lavoro saranno soprattutto le lavoratrici dipendenti a ricevere quest’anno una tredicesima più esigua rispetto ai colleghi uomini a causa di un numero di ore lavorate inferiore.

Ciò conferma un precedente studio sul gap retributivo.

Lavoro: boom contratti Part time

Il lavoro part time, che interessa il 28,8% del totale dei dipendenti privati occupati nel mese di dicembre ha raggiunto il 46,4% delle lavoratrici donne.

Gli uomini in part time, invece, ammontano solo il 16,2% del totale.

Tredicesima: dati in base alla distribuzione geografica

Se analizziamo la distribuzione geografica delle tredicesime notiamo che il 63% del volume totale delle tredicesime è erogato a favore dei lavoratori del Nord Italia.

Infatti, il 37% del totale ovvero ben 3,7 miliardi di euro spetterà ai lavoratori residenti nelle regioni del Nord Ovest e il 26% ai lavoratori del Nord Est.

Il 16% del totale, di cui il 5% nelle Isole, interessa i lavoratori del Mezzogiorno, mentre i lavoratori dell’Italia Centrale possono contare sul 20% del volume complessivo delle tredicesime.

Combinando i due fattori, ovvero la maggiore diffusione del part time nel Meridione e la variazione territoriale delle mensilità aggiuntive, fanno sì che la tredicesima percepita da un lavoratore isolano sia inferiore di 210 euro rispetto alla media nazionale (-28%).