Home Spettacolo Tonio Cartonio è morto? Arriva la verità sul folletto della Melevisione

Tonio Cartonio è morto? Arriva la verità sul folletto della Melevisione

CONDIVIDI

Tonio Cartonio è morto? Molte sono le notizie sulla sua conto, oggi però, a distanza di 20 anni, arriva la verità sul suo conto

Tonio Cartonio

 Ricordiamo tutti Tonio Cartonio, il personaggio della Melevisione, che ha accompagnato per tanti pomeriggi, i bambini di tutta Italia.

Daniele Bertazzi, in arte Tonio Cartonio, ha ormai abbandonato i panni del suo personaggio, proprio 20 anni fa. Molte sono state le ingiurie sul suo conto e sulla sua salute, tra cui anche quella di  della sua morte. Ma Tonio è davvero morto? A voler chiarire finalmente la situazione, è proprio Tonio Cartonio, che finalmente ha deciso di porre fine a questi pettegolezzi.

Tonio Cartonio tutta la verità

Oggi il personaggio più amato dai bambini  ha 58 anni, convive con il suo compagno Roberto e non soffre di nessuna malattia. Ormai sono passati 20 anni da quella esperienza, che lo stesso Daniele ricorda con una grande nostalgia. Lo stesso attore, ricorda che quello oltre ad essere un periodo molto bello e ricco di soddisfazioni, associa quel periodo, anche a dei ricordi molto dolorosi. Come spiega Daniele, dopo la fine del programma della Melevisione, il giovane ha dovuto fare i conti con una realtà molto dura. Molte sono state le voci sul suo conto, voci cattive che lo allontanavano dal mondo dello spettacolo. Queste voci infatti affermavano che Tonio Cartonio, fosse malato e morto per overdose. In realtà Daniele ci tiene a far sapere che lui è vivo e vegeto:

“Quella fake news a me ha fatto molto male, devo essere sincero. C’era qualcosa di infamante dietro tutto quello: ho fatto denunce, ma non siamo mai riusciti a trovare i responsabili… Ancora oggi mi sfugge il motivo per cui c’è stato un accanimento di quel tipo verso un personaggio che, tutto sommato, era per i bambini. La cosa incredibile è che tutti ci hanno creduto e a poco è valso il mio essere tornato in video, anni fa, con la Trebisonda. Niente, c’era stata una sorta di rifiuto a credere che io fossi ancora vivo”