Home Spettacolo “Allora io che dovrei fare?”. Tommaso Zorzi sventola le cifre: sfregio a...

“Allora io che dovrei fare?”. Tommaso Zorzi sventola le cifre: sfregio a Matteo Salvini, lui lo asfalta così

CONDIVIDI

Tommaso Zorzi sminuisce i risultati della petizione #nocoprifuoco per il diritto al lavoro e la riapertura delle attività. Matteo Salvini ridimensiona il suo ipertrofico ego e lo asfalta a mezzo social.

Tommaso Zorzi e Matteo Salvini
Tommaso Zorzi e Matteo Salvini

Ad alzo zero contro il Leader della Lega. A prendere la mira e a sparare contro Matteo Salvini è Tommaso Zorzi. Lo fa sul social network Instagram, dove vanta un grande seguito.

Tommaso Zorzi a muso duro contro Matteo Salvini

Tommaso Zorzi e Matteo Salvini
Tommaso Zorzi e Matteo Salvini

Dall’alto del suo profilo Instagram, l’influencer milanese e opinionista de L’Isola dei Famosi 2021 cannoneggia contro Matteo Salvini:

“Quello là festeggia perché ha 100 mila firme sulla sua petizione di mer** del coprifuoco. Centomila firme è niente. Le mie storie fanno centomila visualizzazioni in 20 minuti! È niente: è una disfatta, una tragedia”

Il riferimento, ovviamente, è alle dichiarazioni del Leader della Lega, che ha espresso orgoglioso per i risultati ottenuti dalla petizione #nocoprifuoco per la riapertura delle attività commerciali.

Matteo Salvini replica alla provocazione di Tommaso Zorzi

Con il suo proverbiale self control, Matteo Salvini fornisce una degna replica a Tommaso Zorzi e lo fa attraverso il social network Twitter:

“Secondo l’amico Zorzi, che peraltro mi sta anche simpatico, voi 117.346 che avete firmato per la battaglia #nocoprifuoco per il diritto al lavoro ed alla libertà, siete niente. Io sono ‘quell’altro là’ e la raccolta firme a cui avete aderito è solo una ‘petizione di mer**’ …a confronto delle sue importantissime storie Instagram. Se non rispetta me amen, gli chiedo almeno di rispettare voi e la richiesta di libertà e lavoro di migliaia di italiani, meno fortunati di lui”

Asfaltato e annichilito a tempo record. Il Leader della Lega non le manda a dire e, con tono sferzante e una certa vena polemica, mette a tacere il tracotante venticinquenne milanese.