Home Spettacolo “Pensi solo al sesso! Vuoi farlo? Paga”. Tina Cipollari, colpo letale a...

“Pensi solo al sesso! Vuoi farlo? Paga”. Tina Cipollari, colpo letale a Gemma Galgani: come la umilia

CONDIVIDI

Tina Cipollari sale in cattedra per demolire Gemma Galgani. La dispotica zarina di Uomini e Donne si rivolge alla dama torinese: la attacca, la delegittima. Pura macchina del fango, insomma.

Tina Cipollari

Incessante, esondante, feroce. Una monumentale Tina Cipollari sotterra senza pietà Gemma Galgani. Nello studio di Uomini e Donne, la leggendaria opinionista di Maria De Filippi si infuria con la dama piemontese, dopo aver udito le sue ultime affermazioni.

Nicola Vivarelli, il chiacchierato toyboy di Gemma Galgani, è divenuto una presenza fissa anche nella nuova stagione del dating show di Canale 5. Sebbene non corteggi più la settantenne torinese, è ancora uno tra i protagonisti di spicco di Uomini e Donne e tiene in pugno la Galgani.

Uomini e Donne, Tina sbrocca: il durissimo sermone a Gemma

Davanti alle telecamere Gemma Galgani torna a parlare del suo rapporto inconcludente con il toyboy Nicola Vivarelli ed esclama:

“Saremmo potuti stare insieme a Roma a casa mia. L’ho invitato a guardare la televisione a casa mia (…) Stare insieme non significava fare sesso…”

Parole che hanno fatto scattare la proverbiale mosca al naso a Tina Cipollari, la quale è intervenuta con uno sferzante commento. La cinquantaquattrenne di Viterbo, infatti, non ci sta e non le manda a dire.

Punta il metaforico dito contro Gemma Galgani e, senza troppi indugi, usa parole pesantissime:

“Tu le ultime cartucce le vuoi sparare col sesso estremo! Ma se gli uomini non vogliono venire, rassegnati! Chiama un gigolò! Vai con un uomo a pagamento!

La butta lì, Tina Cipollari. La caustica opinionista bolla la dama come “mangiatrice di uomini”. La sua solita retorica senza più argomenti: passa dall’insulto becero al consiglio sarcastico.

Nello studio di Uomini e Donne riecheggia il suo ruggito. La sua riflessione si trasforma in una metaforica fucilata contro la dama torinese. Parole che pesano.