Home News TikTok bloccato dal Garante della Privacy dopo il caso di Palermo

TikTok bloccato dal Garante della Privacy dopo il caso di Palermo

CONDIVIDI

Il social network TikTok non potrà essere usato dagli utenti dei quali non verrà verificata l’età. Lo ha disposto il Garante della Privacy.

TikTok

Un’azione necessaria dopo che TikTok è stato usato impropriamente da una bambina a Palermo.

Stop immediato

Un’intervento dettato dall’urgenza del caso che ha visto protagonista una challenge di TikTok a Palermo.

Nella città sicula, una ragazzina di 10 anni è finita in coma cerebrale per registrare uno degli ormai famosi video da condividere sul social network preferito da giovani e giovanissimi.

Il Garante per la protezione dei dati personali ha annunciato, attraverso una nota che bloccherà immediatamente:

“l’uso dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica”.

Dunque, l’applicazione sarà inaccessibile immediatamente a tutti gli utenti che non saranno in grado di dimostrare la loro età.

L’esame del telefono

I genitori della bambina hanno deciso di donare gli organi perché lei stessa avrebbe voluto. Saranno quattro i bimbi ad essere salvati con la sua vita.

A trovarla in bagno è stato il padre. La ragazzina aveva la cintura dell’accappatoio al collo legata a sua volta ad un calorifero. Per fare chiarezza sulla vicenda si analizzerà anche il telefono della ragazzina.

Il telefono, infatti, avrebbe potuto registrare gli ultimi atti di vita della ragazzina. Il video potrebbe essere addirittura finito sul social cinese a testimonianza della partecipazione alla challenge.

La black-out challenge prevede che, chi partecipa, debba legarsi una cintura al collo e vedere quanto resiste. Bisognerà accertare anche se la ragazzina sia stata convinta da qualcuno a partecipare.

Calogero Lo Piccolo, psicologo e psicoterapeuta consigliere dell’ordine di Palermo ha commentato la morte di Antonella:

“Siamo tutti dentro un reality show che richiede performance ammirevoli, dentro un talent in cui guadagnare voti. Tutti partecipi, complici e vittime allo stesso tempo. I social hanno solo moltiplicato all’infinito la platea e i palchi. E con questo facciamo i conti, anche negli esiti estremi”.

Queste alcune delle sue parole riportate da Ansa.