Home Televisione The Blues Brothers, tutte le curiosità a 40 anni dalla sua uscita

The Blues Brothers, tutte le curiosità a 40 anni dalla sua uscita

CONDIVIDI

Sai tutto su The Blues Brothers? L’iconico film commedia musicale con John Belushi e Dan Aykroyd del 1980 che ha compiuto 40 anni

The Blues Brothers

Scopriamo insieme alcune curiosità relative al film The Blues Brothers!

Il successo di The Blues Brothers

The Blues Brothers è un film commedia musicale del 1980 diretto da John Landis e interpretato da John Belushi e Dan Aykroyd. Si tratta di una pellicola rilevante per la storia del cinema, in quanto vanta un cast di musicisti e cantanti affermati.

Inoltre la trama del film è affine a quella di uno spettacolo musicale a tutti gli effetti. Infine, l’interpretazione dei protagonisti, Belushi e Aykroyd rimase nella storia.

La coppia interpretò i fratelli Jake “Joliet” Blues (John Belushi) ed Elwood Blues (Dan Aykroyd), personaggi inventati ai tempi delle loro prime collaborazioni al celebre programma televisivo statunitense Saturday Night Live.

Il film compie adesso 40 anni ed è per questo che ne approfondiamo insieme qualche curiosità!

Alcune curiosità su The Blues Brothers

Il Guinness dei primati

Il film conquistò un curioso Guinness dei primati. Il primato fu attribuito alla pellicola per via della scena con il maggior numero di incidenti d’auto.

L’accoglienza del film

La pellicola costò circa 30 milioni di dollari. In poco tempo si formò un vero e proprio culto intorno alla pellicola. Il 20 e 21 giugno 2012, in occasione sia del centenario della major produttrice che del trentennale della morte di John Belushi, il film è stato riproposto in versione restaurata in tutto il mondo.

Il videogioco

Il film ha ispirato anche un videogioco e un sequel. Il film è uscito nel 1998 e si intitola “Blues Brothers: Il mito continua”. La pellicola, diretta anch’esso da Landis, è interpretata da Aykroyd, John Goodman, Joe Morton e l’allora giovanissimo Evan Bonifant.

La critica

I media non accolsero positivamente il film. Il New York Times lo definì una “saga presuntuosa”, mentre Il Washington Post sottolineò quando fosse d'”imbecille stramberia” nascondere Belushi sotto degli occhiali da sole.