Home News Terremoto in Albania, zone colpite anche dal nubifragio: gli ultimi corpi trovati...

Terremoto in Albania, zone colpite anche dal nubifragio: gli ultimi corpi trovati sono dei bambini

CONDIVIDI

Dopo il terremoto in Albania ieri notte si è scagliato contro il Paese anche un violento nubifragio. Gli ultimi corpi trovati sono dei bambini e gli abitanti sono in ginocchio

Terremoto in Albania
Terremoto in Albania

Il terremoto in Albania ha lasciato dietro di sé morte e distruzione, in aggiunta di un violento nubifragio avvenuto durante la notte di eri. Ecco la situazione aggiornata

Nubifragio a Durazzo

Sembra essere un vero e proprio incubo, dopo il sisma nella serata di ieri su Durazzo si è abbattuto un violento nubifragio – come riportato da Meteo.it – proprio sul campo sfollati che era stato allestito nei pressi dello Stadio, per dare aiuto e riparo alle persone che hanno perso la casa.

Il violento temporale è arrivato 2 giorni dopo la furia violenta del sisma e ha messo nuovamente in ginocchio il Paese, nonché tutte le persone che pensavano di essere al riparo.

Il bilancio delle vittime e gli aiuti

Il bilancio delle vittime è salito a 47 e gli ultimi corpi estratti sono di una madre e i suoi tre bambini, estratti dalle tante macerie che in origine erano una villetta a tre piani. C’è ancora un disperso e i Vigili del Fuoco italiani stanno continuando a lavorare incessantemente giorno e notte, per ritrovare tutti.

Un episodio drammatico è avvenuto nei pressi dell’Hotel Miramare che è andato distrutto, con un uomo che si è sentito male dopo che dalle macerie è stato estratto il corpo senza vita di un suo familiare. Rama ha precisato che tra tutte le vittime ci sono 17 donne e quatto bambini dai tre agli otto anni.

Gli aiuti stanno arrivando e ogni Paese europeo sta cercando di dare il massimo. Papa Francesco ha inviato 100mila euro per l’Albania tramite il Servizio dello Sviluppo umano integrale – decastero da lui costituito:

“un primo contributo per il soccorso alla popolazione in questa immediata fase di emergenza”

La ressa per il pane continua e la devastazione di questo Paese è inimmaginabile.