Home Cronaca Siracusa, tentò di uccidere i due figli piccoli per intascare l’assicurazione: mamma...

Siracusa, tentò di uccidere i due figli piccoli per intascare l’assicurazione: mamma condannata

CONDIVIDI

I fatti risalgono al marzo dello scorso anno, quando la giovane mamma provocò un incidente stradale per uccidere i due figli di 3 anni e 18 mesi.

sentenza di condanna per tentato omicidio

La donna è stata quindi condannata per tentato omicidio.

L’incidente in auto per uccidere i suoi figli

Era il marzo dello scorso anno quando una giovane mamma di 26 anni di Siracusa, si mise in macchina, con i suoi due bambini di 3 anni e 18 mesi, promettendo loro di fare un giro con lei.

Imboccata una strada in discesa, la donna scese al volo dall’auto, lasciando che la vettura, con i suoi due bambini, si schiantasse un centinaio di metri più avanti contro un muro.

I due bambini, che erano seduti sul sedile posteriore, rimasero miracolosamente feriti in modo lieve. Le indagini partirono quasi immediatamente, perché di quell’incidente non tornava nulla: né il racconto della donna, né la dinamica del sinistro.

La giovane mamma aveva perso il marito un anno prima, sempre per via di un incidente stradale, ed aveva intascato 200mila euro grazie all’assicurazione sulla vita.

Condannata la mamma per tentato omicidio

Come riferisce anche La Stampa, l’intento della 26enne era quello di incassare l’assicurazione stipulata dal marito di cui erano intestatari proprio i due bambini.

Un’ipotesi che è diventata certezza durante le indagini: la giovane vedova ha tentato di uccidere i suoi due bambini per accaparrarsi i soldi dell’assicurazione, circa 200mila euro.

Ieri è arrivata la sentenza di condanna: alla giovane mamma toccano dieci anni e 8 mesi di reclusione per tentato omicidio.

Alla condanna si aggiunge l’interdizione perpetua dei pubblici uffici, la condanna al risarcimento dei danni e il rimborso delle spese legali in favore delle parti civili. I piccoli sono stati invece affidati ai nonni paterni.

La donna è stata giudicata con rito abbreviato.