Home News Tanzania: il presidente contro i vaccini anti covid

Tanzania: il presidente contro i vaccini anti covid

CONDIVIDI

John Magufuli, il presidente della Tanzania si è schierato apertamente contro i vaccini anti covid: per lui sono pericolosi.

Tanzania vaccini

Secondo il presidente della Tanzania le persone non devono fare da cavie a qualcosa che, a sua detta, potrebbe essere dannoso.

Una vera e propria messa in guardia

Il presidente della Tanzania, John Magufuli ha messo in allerta la popolazione circa i vaccini anti covid. Il paese dovrebbe importare le soluzioni per i propri cittadini.

Secondo lui, infatti, la popolazione non dovrebbe fare da cavia a qualcosa che, in realtà, potrebbe rivelarsi dannoso per la salute. A riportare la notizia è stata la Bbc.

Stando a quanto affermato dal presidente, il ministero della Salute dovrebbe essere più cauto. Del resto, i vaccini non sono stati testati abbastanza. Inoltre, per Magufuli non tutti i vaccini sono importanti per la totalità della popolazione.

“Non dovremmo essere usati come ‘cavie’. Le vaccinazioni sono pericolose.
Se l’uomo bianco fosse stato in grado di inventare i vaccini, avrebbe dovuto trovarne per l’Aids, il cancro e la tubercolosi ormai”

ha affermato, come riportato da Ansa.

Prendere precauzioni

Stando a quanto ha affermato il presidente, la popolazione dovrebbe continuare a prendere le dovute precauzioni contro il virus.

Nonostante questo, ha sostenuto che il modo migliore per fronteggiare il covid restano le preghiere e la medicina tradizionale che prevederebbe anche l’inalazione di vapore inclusa.

Sulla falsariga di questa teoria, il presidente ha affermato anche che il lockdown nel paese non verrà mai introdotto. Questo perché, il loro Dio è in grado di proteggerli. Il paese è cattolico e, nel corso della scorsa estate, si dichiarò libero dal coronavirus.

Il presidente non si è mai espresso in merito all’aumento dei funerali dovuti ad una nuova ondata di covid. Inoltre, sembrerebbe che il governo non pubblichi i dati ufficiali dei contagi da svariati mesi.