Home News Tamponi rapidi dai medici di famiglia: siglato l’accordo

Tamponi rapidi dai medici di famiglia: siglato l’accordo

CONDIVIDI

Saranno eseguiti negli studi o in altri spazi appositi: coinvolti anche i pediatri. Ad annunciarlo il ministro della Salute, Roberto Speranza.

tamponi rapidi siglato accordo

L’accordo riguarda anche coloro che non lo hanno siglato. Il governo ha annunciato 30 miliardi di finanziamento.

Raggiunto l’accordo per i tamponi dai medici di famiglia

Arrivato l’accordo per effettuare i tamponi dai medici di famiglia. Come riferisce anche La Repubblica, a darne notizia è lo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook.

L’accordo per i tamponi rapidi da effettuare presso i medici di famiglia riguarda anche i professionisti della categoria rappresentati dai sindacati che non hanno siglato il patto.

Il governo investirà 30 miliardi per finanziare l’operazione.

“Ringrazio i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta che hanno sottoscritto oggi il nuovo accordo collettivo nazionale”

ha scritto il ministro della Salute, Speranza.

I tamponi di questo tipo verranno effettuati sui contratti stretti dei pazienti positivi, quindi il coniuge ed i figli nel caso di una persona convivente risultata infetta. Nei piani per i prossimi due mesi, c’è l’idea di eseguire due milioni di tamponi.

Il lavoro dei medici di famiglia sarà quindi fondamentale per ricostruire anche la catena dei contatti con i positivi.

Il parere discordante dei sindacati

L’accordo però non ha trovato il parere favorevole di tutti.

“E’ inaccettabile che i medici di famiglia siano obbligati a fare i tamponi in studio quando si poteva chiedere la disponibilità volontaria”

è il disappunto espresso da Angelo Testa, presidente del Sindacato nazionale autonomo dei medici italiani. Testa ha quindi deciso di non sottoscrivere l’accordo con la parte pubblica.

Insieme ai tamponi rapidi antigenici, ai medici di famiglia ed ai pediatri verranno anche fornite mascherine ffp2, camici e visiere. Tutti i medici che quindi dovranno eseguire i tamponi si vedranno garantire la fornitura di protezioni individuali.